TRENTINO – NEVE E TINTARELLA

TRACCIATI PERFETTAMENTE INNEVATI E TANTO SOLE

LA CONDIZIONE IDEALE PER TRASCORRERE LE TIEPIDE GIORNATE DI PRIMAVERA SCIVOLANDO SULLE PISTE DEL TRENTINO, PRENDENDOSI TUTTO IL TEMPO PER SOSTARE SULLE TERRAZZE DI RIFUGI E LOCALI A DUE PASSI DAI TRACCIATI E ASSICURARSI UNA TINTARELLA PERFETTA MENTRE TUTT’ INTORNO LE DOLOMITI DANNO SPETTACOLO

Canazei-Belvedere – ph©Modica

Nelle skiarea del Trentino la qualità a cinque stelle non contraddistingue solo piste e impianti, ma anche le proposte dei rifugi. Così dopo aver soddisfatto la passione per serpentine e curve, ci si siede a tavola per degustare i piatti della tradizione enogastronomica locale con ampio spazio alle rivisitazioni.

Skitour per tutti
In Val di Fassa si può trascorrere una intera giornata sugli sci collegando le più belle skiarea dell’alta valle. Partendo da Pozza di Fassa si sale sul Buffaure e dopo una colazione con vista sul Catinaccio si percorrono le piste del Panorama Skitour fino alla Conca del Ciampàc e poi una picchiata lungo la pista nera fino ad Alba di Canazei. Una moderna e panoramica funivia ci riporta in alto direttamente nel cuore della skiarea del Belvedere di Canazei per ammirare un panorama a 360° di cime dolomitiche: Marmolada, Pordoi, Sella e Sassolungo. Si scivola sulle ampie piste al sole fino alla zona del Col Rodella ai piedi del Sassolungo. Esclusivo, affacciato sulle Dolomiti della val di Fassa, il Fienile Monte, si raggiunge dalle piste sul percorso del famoso Sellaronda. Glamour pacato, atmosfera intima e rilassata, caratterizzano questo locale il cui ristorante con meno di trenta coperti, propone piatti gourmet a 2.260 metri di altitudine. Da non perdere la vista sulle Dolomiti dalle poltrone lounge, che al tramonto regalano lo spettacolo dell’enrosadira.
Più a est, sopra Passo San Pellegrino, accanto alla stazione di arrivo della funivia sul Col Margherita c’è invece il ristorante In Alto. Vale davvero la pena di fermarsi su questa panoramica terrazza affacciata sulle Dolomiti, prima di affrontare la lunga picchiata lungo la pista La Volata, teatro delle gare di coppa del mondo, una gran bella soddisfazione per gli sciatori più esigenti.
Nella vicina Val di Fiemme la skiarea dello Ski Center Latemar, a cavallo tra Trentino e Alto Adige, costituisce uno skitour ideale per unire sci e sapori a cinque stelle da gustare nei numerosi locali lungo le piste dei due versanti. Su quello trentino, lo Chalet Caserina si affaccia sulla pista Agnello che è molto più che una pista: una vera galleria d’arte a cielo aperto, costellata di opere create da artisti di fama internazionale che danno vita al Parco d’arte RespirArt, uno dei più alti al mondo.

San Martino di Castrozza – ph©Alessandro Faedda

Si accede da due distinti versanti alla skiarea dell’Alpe Lusia e nel cuore del versante di Castelir – Bellamonte si trova lo Chalet 44 Alpine Lounge, linee moderne ed essenziali, ampie vetrate che disegnano l’esterno insieme alla terrazza di 600 metri quadrati che si affaccia sulle Pale di San Martino e sulla Catena del Lagorai. All’interno trionfa il design e una cucina che ama rivisitare la tradizione di montagna grazie alla sapiente combinazione dei migliori prodotti locali. Nella vicina skiarea di San Martino di Castrozza – Passo Rolle lo skitour delle malghe è di per sé un invito ad alternare le discese a soste golose nelle baite lungo le piste, mentre per una cucina più ricercata e a chilometro zero Malga Ces è da oltre 70 anni un luogo dove ottima cucina, cordialità e tradizione si incontrano.

Alpe Cimbra Baita Tonda – ph©Alice Russolo
Happy Cheese Rifugio Tognola

Sull’Alpe Cimbra si percorre lo Skitour dei Forti, passando accanto alle memorie più visibili della Grande Guerra e sostando tra una discesa e l’altra nei numerosi locali in quota. Sopra Passo Vezzena, nel cuore della Foresta Cimbra, ecco Baita Neff costruita in tronchi di legno massiccio e direttamente sulle piste che collegano la skiarea di Lavarone con l’Alpe di Vezzena; è raggiungibile anche a piedi dal cimitero austroungarico di Monte Cucco.

Madonna di Campiglio – ph©Daniele Molineris

Spostandosi nel Trentino occidentale, nella skiarea Madonna di Campiglio – Dolomiti di Brenta, un carosello di 150 km di piste che collegano Pinzolo, Madonna di Campiglio, Folgarida – Marilleva, insieme a piste imperdibili come la Tulòt a Pinzolo, il Canalone Miramonti a Madonna di Campiglio e la Mastellissima a Folgarida-Marilleva, anche alcuni locali possono diventare un’esperienza gastronomica che arricchisce la vacanza. Raggiunta la skiarea di Campiglio, Chalet Fiat sulla sommità del Monte Spinale, rispecchia il glamour della località con il suo stile raffinato e decisamente alpino. Raggiunta la zona del Grostè e dopo una lunga discesa fino a Passo Campo Carlo Magno con la nuova telecabina si risale sul versante di Pradalago per poi spostarsi nella skiarea di Marilleva – Folgarida dove si incontra il rifugio Solander e qui degustare specialità della cucina locale e in particolare il formaggio Casolèt.
Dalla grande terrazza del rifugio Dossòn, in Paganella, proprio al termine dei primi due tratti della mitica pista Olimpionica, si gode un panorama eccezionale sul Gruppo di Brenta. Si sosta nelle stube in legno per uno spuntino con vista sulle guglie delle Dolomiti di Brenta. È accessibile anche ai non sciatori, in quanto vicino alla stazione intermedia della veloce telecabina che sale da Andalo, il martedì e il venerdì anche di sera per una cena sotto le stelle.

Dolomiti Sky Jazz – ph©Gaia Panozzo

Musica e sapori direttamente sulle piste
Non mancheranno nel mese di marzo gli eventi sulla neve: dal 5 al 13 marzo il Festival musicale Dolomiti Ski Jazz è in programma nei comprensori sciistici nelle Valli di Fassa e Fiemme. Si tratta di un grande evento musicale in cui montagna e jazz s’incontrano sulle piste, nei locali in quota e nei pub di queste rinomate zone. Questa 24esima edizione del Festival dilata i suoi palcoscenici e le sue platee fra i panorami delle Dolomiti del Trentino: otto concerti jazz in otto rifugi di sei diverse skiarea.
Sempre nelle valli dolomitiche del Trentino, per tutto il mese di marzo ritornano gli appuntamenti con HappyCheese, gli aperitivi più trendy delle Dolomiti sulle terrazze panoramiche dei rifugi in quota. Protagonisti i formaggi a km0 abbinati ad una selezione di vini del Trentino dall’anima green e alle bollicine di montagna Trentodoc, o alla birra artigianale locale e alle gustose mele.
A Madonna di Campiglio tre rifugi ospiteranno i tre appuntamenti enogastronomici di Slowfood tra le Dolomiti (12, 19, 26 marzo) per far conoscere e assaporare le eccellenze della Val Rendena della famiglia Slow Food, come i formaggi e le carni di razza Rendena, l’unica razza autoctona del Trentino. Prenotazione obbligatoria.

A primavera la neve è più conveniente!
La promozione “Dolomiti Super Sun 2022” è valida dal 20 marzo fino al termine della stagione presso tutte le strutture che aderiscono all’iniziativa nei comprensori del Dolomiti Superski e regala un’intera giornata di sole sulla neve. Infatti, chi prenota un soggiorno di 7 giorni, ne paga solo 6. E questo vale anche per lo skipass. L’offerta è valida in tutti gli esercizi che aderiscono all’iniziativa nei comprensori sciistici Dolomiti Superski aperti. I buoni per la giornata in omaggio vengono consegnati direttamente in albergo. Si prenota anche su www.dolomitisuperki.com

Un posto ideale per godersi il tiepido sole di marzo? Le piste dello Skirama Dolomiti Adamello Brenta, otto ski area per un totale di 380 km di piste. Diverse le proposte con sconti nei mesi di marzo e aprile. La proposta Speciale Pasqua prevede un soggiorno in una delle strutture ricettive convenzionate dal 16 al 24 aprile 2022 con lo sconto del 40% sullo skipass Superskirama da 5 a 8 giorni. Informazioni su www.skirama.it


24/02/2022  14:29:50
Nota stampa

Natoconlavaligia

Natoconlavaligia - La Redazione

Il sito non commerciale, nato nel 2004 si propone al servizio dei lettori e lettrici dei nostri articoli inseriti nelle tante sezioni informative.