CHEVROLET CORVETTE STINGRAY: AL MIMO 2021 TAPPETO ROSSO PER LA NUOVA REGINA DELLE SUPER SPORTIVE

La Corvette Stingray è un’auto estrema, ma allo stesso tempo mantiene la sua peculiare caratteristica di poter essere guidata tutti i giorni. Prezzi a partire 102.500 Euro per la Coupé e 109.680 Euro per la Convertible

 

 

Nel corso di MIMO 2021, il Milano Monza Motorshow – in programma a nelle due città lombarde dal 10 al 13 giugno – gli appassionati delle super sportive potranno rifarsi gli occhi e osservare da vicino la nuova Chevrolet Corvette Stingray, esposta a Milano per la prima volta in un evento pubblico, dal Gruppo CAVAUTO e da Chevrolet Performance Cars Europe. Si sta parlando di un’icona giunta alla ottava generazione, che si presenta completamente rivoluzionata rispetto al passato sia nel design e sia nella meccanica.

La nuova Corvette Stingray è disponibile in versione Coupé e Convertible con tetto rigido elettrico, ed è l’ultima evoluzione della leggendaria super sportiva marchiata Chevrolet. Per la prima volta nella storia, monta in posizione centrale posteriore il motore aspirato V8 LT2 VVT da 6.2 litri con Active Fuel Management, in grado di erogare 475 Cv a 6.450 giri/minuto e 613 Nm di coppia massima a 4.500 giri/minuto.

Motore posteriore centrale e cambio automatico Tremec

Si tratta del primo modello con motore posteriore centrale, nei 68 anni di storia di questa leggendaria sportiva americana. Grazie al cambio automatico Tremec a doppia frizione con otto rapporti e al potente impianto di scarico Performance, questa nuova Corvette garantisce prestazioni entusiasmanti. La distribuzione dei pesi ottimale, con un bilanciamento di 40/60 tra avantreno e retrotreno, consente alla Corvette Stingray di affermarsi come il nuovo benchmark nel settore delle super sportive.

Il livello tecnologico è elevatissimo, grazie anche alle sospensioni con Magnetic Ride Control e al Performance Data Recorder che consente di registrare i dati telemetrici e i video delle proprie sessioni di guida effettate in circuito.  Infatti, sono molti i clienti Corvette che si dilettano a utilizzare la propria vettura anche in pista.

Per la guida di tutti i giorni in ambito urbano, la Corvette Stingray dispone di un optional molto utile, il Front Lift SystemTM, accessorio importantissimo dal momento che permette di alzare la parte anteriore dell’auto di 5 centimetri in meno di 3 secondi, in modo da poter affrontare con agilità ostacoli come dossi e avvallamenti.

L’aspetto che rimane subito impresso, pensando alla nuova Corvette Stingray, è quello relativo al rapporto qualità/prezzo. La nuova top di gamma Chevrolet Performance Cars, offre tecnologia e prestazioni da vera supercar, con un design moderno, grintoso e allo stato dell’arte dal punto di vista aerodinamico, alla metà del prezzo richiesto per acquistare altre vetture con caratteristiche simili!

Qualità progettuale d’eccellenza, materiali premium, nuovi elevati standard tecnologici e di performance, oltre ad un’eccezionale attenzione ai dettagli: queste sono le qualità che distinguono la Corvette dell’ottava generazione da tutte le altre super sportive.

Le sue caratteristiche principali

Il “cuore” della nuova Corvette Stingray, è il nuovo small-block V8 LT2 da 6,2 litri, l’unico V8 atmosferico in questo segmento. In combinazione con il potente impianto di scarico Performance, rende la nuova Corvette a motore centrale la più potente e veloce Stingray di tutti i tempi. Un’altra novità importante riguarda la trasmissione transaxle: per la prima volta il V8 della Corvette è abbinato a un nuovo cambio a 8 rapporti con doppia frizione realizzato appositamente dalla Tremec, in grado di cambiare marcia in meno di 100 millisecondi senza perdere coppia.

In termini di comfort e divertimento, il nuovo motore centrale permette alla Corvette di mantenere il proprio DNA, ma allo stesso tempo di avere una dinamica veicolo migliore, rispetto alle generazioni precedenti.

Le prime Corvette Stingray ad arrivare in Europa, sono le versioni Launch Edition che includono di serie il pacchetto prestazionale Z51 (che sarà mantenuto di serie anche sulle prossime versioni) e in via eccezionale il livello di finiture 3LT, il più alto livello di personalizzazione disponibile: prevede numerosi dettagli esterni e interni in carbonio che enfatizzano ulteriormente il design dinamico e la forte personalità della Corvette di nuova generazione.

I prossimi allestimenti delle vetture europee avranno come standard, le specifiche di finiture 2LT, ovvero uno step comunque superiore rispetto a quello degli esemplari per il mercato americano.

Infatti gli appassionati europei di auto sportive sono molto più esigenti rispetto a quelli americani, quando si tratta di dinamica di guida e livello di equipaggiamento della propria vettura. Gli acquirenti Corvette non fanno certamente eccezione. A differenza degli Stati Uniti, ogni nuovo modello Corvette Stingray venduto in Europa avrà quindi lo Z51 Performance Package di serie. Questo pacchetto include la regolazione elettronica delle sospensioni in base alla modalità di guida; l’impianto frenante Brembo con dischi maggiorati e prese d’aria anteriori per il raffreddamento; il differenziale elettronico a slittamento limitato eLSD che si aggiunge al differenziale meccanico di serie (agendo anche come torque vectoring e distribuendo la coppia sulle singole ruote posteriori); il sistema di scarico Performance; il pacchetto aerodinamico con splitter anteriore e alettone posteriore per massimizzare downforce e stabilità;  gli pneumatici Michelin Pilot Sport 4S con marchiatura Corvette, sviluppati appositamente per questo modello.

Tanti i sistemi di sicurezza alla guida

Solo sulle Launch Edition per l’Europa, è di serie anche il sistema di sospensioni Magnetic Ride Control™. Inoltre, ciascuna di queste Corvette europee beneficerà di un elevato livello di equipaggiamento che comprende i seguenti dispositivi, non inclusi nella versione base proposta negli Stati Uniti: Performance Data Recorder, Head-Up display, sistema di navigazione con display da 12”, sistema audio Bose a 14 altoparlanti, specchietto retrovisore centrale con telecamera integrata, sedili Competition (Coupé) o GT2 (Convertible) riscaldati e ventilati con rivestimento in pelle Nappa e microfibra, quest’ultimo materiale usato anche per il volante.

Il Performance Data Recorder, come già anticipato, farà felici i clienti più sportivi: grazie a due telecamere è in grado di registrare le performance in pista con relativa telemetria. Il pilota potrà scaricare le immagini e i rilevamenti su una SD per potersi rivedere con comodo, oppure potrà visualizzare tutto subito, sul display dell’infotainment, che include tra le altre cose Apple CarPlay e Android Auto.

Per quanto riguarda la sicurezza, sono di serie tutti i principali dispositivi di assistenza alla guida, tra i quali l’Ultrasonic Rear Parking Assist, il Side Blind Zone Alert e il Rear Cross Traffic Alert.

Il cockpit della Corvette presenta il perfetto abbinamento tra comfort e sportività, e non manca l’utilizzo di materiali pregiati, come diversi tipi di pelli per i sedili e le finiture in carbonio. Il posizionamento dei comandi sulla consolle centrale è estremamente razionale e di facile utilizzo.

La posizione di guida è perfetta, in stile racing: dai sedili contenitivi, alla pedaliera, alla forma del volante che ingloba le palette del cambio, per non parlare del display, inclinato verso il sedile del pilota per una lettura immediata. Ogni dettaglio ricorda la versione da corsa impegnata nel Campionato Mondiale Endurance (categoria GTE) e nella 24 Ore di Le Mans.

Con queste premesse, la nuova Corvette è stata scelta coma pace-car della 24 Ore di Daytona e della 500 Miglia di Indianapolis, quest’anno nella versione Convertible.

La Corvette si distingue anche per la sua spaziosità: dispone di due vani portabagagli, uno sotto il cofano anteriore e l’altro dietro al motore, in grado di alloggiare persino una sacca da golf. Non male per una supercar!

Nell’indecisione se scegliere una Corvette Coupé o la Convertible, va detto che la prima può essere guidata anche “open air”, rimuovendo il tettuccio di tipo Targa, che può essere riposto nell’apposito scomparto nel bagagliaio posteriore. La Convertible si distingue per avere un hardtop retrattile elettrico,  che si ripone automaticamente nell’apposito vano dietro il propulsore in soli 16” ed è azionabile anche in movimento fino a 50 km/h.

La prima raccolta ordini fatta dal Gruppo CAVAUTO, fornisce dati molto interessanti. Il primo dato che balza all’occhio è quello relativo alla forma della carrozzeria. Le percentuali di Corvette Coupé e Convertible ordinate, si equivalgono. E’ un dato sorprendente, dal momento che il modello Coupé in realtà può già essere guidato in versione open air, disponendo del tettuccio amovibile di tipo Targa. Evidentemente buona parte della clientela ha deciso che una vettura di questo genere, debba essere vissuta pienamente e debba rappresentare la massima espressione del sapersi godere la vita, anche a cielo aperto e in riva al mare. Le nuove Chevrolet Corvette Stingray possono essere prenotate anche  online, attraverso una piattaforma web con configuratore.

 

I prezzi in Italia delle Corvette Stingray Launch Edition, partono da 102.500 Euro per la Coupé e 109.680 Euro per la Convertible, IVA inclusa, al netto di IPT e messa in strada. La garanzia prevede la copertura per 3 anni o 100.000 km.

 

Foto di apertura:  da sinistra: Andrea Cavarzan (Gruppo CAVAUTO), Salvatore Papotto (Sviluppo Rete Gruppo CAVAUTO), Conark Shah (Amministratore Delegato Cadillac Europe/Chevrolet Performance Cars), Hermes Cavarzan (CEO Gruppo CAVAUTO), Jernej Kolbi (Cadillac Europe/Chevrolet Performance Cars), Constantin Avromescu (Direttore Vendite Cadillac Europe/Chevrolet Performance Cars), Riccardo Cavarzan (General Manager Gruppo CAVAUTO).

 

 

Tiziano Argazzi

Giornalista appassionato di turismo, Food & Wine e Motori. Da molto tempo si diletta a scrivere di viaggi, vacanze e tempo libero, inserendo anche vari suggerimenti enogastronomici. Negli ultimi anni ha iniziato ad interessarsi anche del mondo automobilistico e fa parte di Uiga l’Unione italiana giornalisti dell’automotive.