SAGRA ARROSTICINO DI CODREA

PUR NON ESSENDO UN PIATTO TIPICAMENTE FERRARESE SONO IN TANTI AD APPREZZARE GLI ARROSTICINI E COSÍ QUANDO NEL 2005, QUASI PER SCHERZO, NACQUE LA SAGRA DEDICATA A QUESTO PIATTO, CHE TRAE LE PROPRIE ORIGINI IN ABRUZZO, FU SUBITO UN SUCCESSO

Sagra arrosticini di Codrea, un gruppo di volontari

Quei momenti li rievoca Vincenzino Di Pietro, abruzzese doc, conosciuto da tutti come Enzo,  trapiantato da queste parti per motivi di lavoro, fondatore della sagra e presidente dell’omonima associazione.
“I miei figli mi chiesero che cosa si potesse fare per creare momenti di aggregazione nella nostra piccola comunita’ -afferma Di Pietro – io risposi che sapevo fare gli arrosticini. E allora perche’ non fare una sagra dell’arrosticino visto che in giro non ve ne sono mi risposero. Detto e fatto. Coinvolsi oltre che la famiglia anche gli amici  di questo paese  e nacque la sagra. Tutto merito di un gruppo eccezionale di volontari  cresciuti di anno in anno, che si sono ritrovati con l’intenzione di creare qualcosa per il proprio paese: all’inizio una bella festa per Codrea, poi la sagra per tutti. Siamo un centinaio di volontari che lavorano in maniera appassionata per questa manifestazione. Voglio anche ricordare tutti coloro che in questi anni ci hanno lasciato (l’ultimo e’ stato il presidente del Codrea Renato Pilastrini.ndr.) a tutti liro dedicheremo questa sagra della ripartenza. Abbiamo veramente tanta viglia di ripartire e in questi due anni la nostra sagra ci e’ mancata tantissimo. Speriamo che la risposta da parte dei nostri affezionati clienti sia come  soddisfacente. Come sempre mi sono recato in Abruzzo nella zona di Colledara nel Teramano per acquistare i prodotti occorrenti per la  sagra vino compreso”.
Questa manifestazione si compone  dell’incontro di due culture molto  diverse: quella abruzzese, di cui il piatto è tipico e particolarmente appetitoso, e quella ferrarese che si sono fuse dando origine a un evento gastronomico originale sia nei contenuti culinari che organizzativi. Il grande impegno e la fatica di tutti i volontari sono ripagati da un successo che inizialmente nessuno si sarebbe mai aspettato. «Nel corso degli anni – racconta Di Pietro –   dai 2 o 3 mila arrosticini serviti, siamo passati dai 15 ai 60 mila delle ultime edizioni un vero e proprio record per il nostro gruppo». Il ricavato della Sagra è destinato in parte  sostenere le spese di affitto del campo sportivo che e’ di proprieta’ della Curia subentrato al Codrea calcio che aveva aggiunto i fasti della Prima categoria successivamente si  e’ sciolto, dove i nostri ragazzi si ritrovano per giocare a calcio sperando che in un prossimo futuro possano ridare vita al Codrea e per altri momenti di aggregazione, per acquistare materiale prr la sagra vedi tavoli e sedie ad altri.momenti di beneficenza ad esempio alla parrocchia. Recentemente abbiamo contribuito finanziariamente al restauro di un affresco. Vogliamo essere una comunita’ viva, aiutare il nostro paese e in particolare i nostri ragazzi” conclude Di Pietro.
Ritornando alla sagra che si concludera’ il 5 giugno ll menu’ prevede come sempre gli arrosticini oltre a un piatto composto da salumi e formaggi tipici abruzzesi. Le uniche ferraresita’ concesse riguardano l’inserimento del salame nel piatto dei salumi, il pane estense con la mitica ciupeta e infine tra i dolci dove in questa edizione fara’ capolino la tenerina. Vini sfusi e in bottiglia con preferenza a quelli tipici abruzzesi dal Montepulciano al Cerasuolo. Per gli amanti degli arrosticini Codrea rappresenta una tappa obbligatoria.
Per informazioni 3317900797. Si puo’ consultare la pagina facebook sagra arrosticino di Codrea o il sito internet www.sagrarrosticino-codrea.it


28/05/2022  23:25:57 Nota stampa

Natoconlavaligia

Natoconlavaligia - La Redazione

Il sito non commerciale, nato nel 2004 si propone al servizio dei lettori e lettrici dei nostri articoli inseriti nelle tante sezioni informative.