ROBUR BEVANDA DEL GRUPPO CAFFO 1915

GRUPPO CAFFO 1915 PRESENTA ROBUR BEVANDA A BASE DI FERRO CHINA BISLERI INTEGRATORE ALIMENTARE REGISTRATO DAL MINISTERO DELLA SALUTE

OTTIMO ANALCOLICO ADATTO A TUTTE LE ETA’, E’ UN TOCCASANA PER CHI HA CARENZA DI FERRO

 

 

“Robur, la bevanda che dà forza!”, con questo slogan si presenta al mercato la novità assoluta di Gruppo Caffo 1915 che ha deciso di creare dalla ricetta del Ferro China Bisleri, una bevanda analcolica con le stesse proprietà corroboranti, toniche e rinforzanti.

Robur è il nome latino che significa “forza” ed è ciò che promette questo ottimo integratore alimentare registrato dal Ministero della Salute (codice registrazione n. 138070). Perfetto per ritrovare energia e vigore soprattutto in caso di carenza di ferro. Ideale per i vegani, per chi non mangia carne o altri alimenti che ne contengono. Bastano due bottigliette al giorno per raggiungere il fabbisogno totale di un adulto. Anche i bambini lo posso bere perché è una bibita piacevolmente gassata e dissetante e così oggi come oltre un secolo fa fu per Ferro China Bisleri, Robur entra nelle case degli italiani come il ricostituente energetico che dà forza.

Quando nel 2019 ho avviato la trattativa con gli inglesi di Diageo per far tornare in Italia Bisleri, il mio primo pensiero è stato come riportare lo storico marchio alla sua fama – racconta Nuccio Caffo amministratore delegato di Gruppo Caffo 1915 – da lì a poco, riguardando le vecchie pubblicità, mi sono immedesimato in Bisleri che vendeva il suo Ferro China con il geniale slogan “Volete la salute?”, perché comunicava quella che per l’epoca era una grande innovazione: il primo integratore, seppur in forma di liquore, a base di ferro, ottimo ricostituente – e di china, la cui corteccia serve per curare la malaria. Inoltre, le sue erbe con funzioni aperitive stimolano gli inappetenti di tutte le età”.

Un patrimonio di conoscenze che si sarebbe perso nel tempo a causa delle vicissitudini familiari e societarie che portarono il marchio Bisleri all’estero ed all’oblio. Con l’acquisizione di Gruppo Caffo 1915, il marchio è tornato a risplendere anche grazie al ricordo ancora vivo in tutte le famiglie italiane e di italiani all’estero.

Appena aperta, la pagina Facebook di Bisleri è stata invasa dai ricordi di chi Ferro China la prendeva nell’uovo sbattuto o nell’acqua effervescente – prosegue il racconto Nuccio Caffo – da qui, l’idea di creare una versione analcolica e gassata, adatta a tutti, a base degli stessi ingredienti riproporzionati per rendere gradevole la bibita”.

Robur è un prodotto unico nel suo genere che rende attuale una ricetta nata a distanza di oltre 140 anni dal progetto originario, la nuova bevanda è destinata a far parlare di sé come il liquore dal quale discende, Ferro China Bisleri che ebbe fama mondiale, il primo amaro aperitivo salutare, la cui ricetta contempla una miscela di citrato di ferro, corteccia di china calissaya ed erbe benefiche. Considerato il precursore degli integratori e ricostituenti, Ferro China Bisleri fu inventato dal garibaldino Felice Bisleri (1881) che oggi rivive nel nome scelto in omaggio a Franco Bordoni-Bisleri, nipote aviatore di Felice, noto come il “Robur” dei cieli per la presenza di questa scritta posta sulla lingua di un leone rampante – logo simbolo della ditta del nonno – dipinta su tutti gli aerei da lui pilotati.

Robur è già disponibile in anteprima su www.caffo.store e presto sarà distribuito nei bar, nelle farmacie ed erboristerie e anche all’estero. “Abbiamo scelto nuovi canali come le farmacie e le erboristerie perché questo prodotto è una bevanda fatta con ingredienti naturali, gradevole e buona per la salute. Presto sarà diffusa anche fuori dall’Italia perché vogliamo che la fama mondiale che fu del Ferro China Bisleri si possa replicare anche per Robur”, conclude Nuccio Caffo. 

Gruppo Caffo 1915

Antica Distilleria Caffo produce e distribuisce bevande alcoliche dal 1915. Gruppo Caffo 1915 possiede diversi siti produttivi tra cui alcune distillerie: la storica, anche sede del gruppo è a Limbadi, l’unica distilleria in tutta la Calabria, un vero fiore all’occhiello nel campo della distillazione e dei liquori, tanto da aggiudicarsi il premio come Miglior Distilleria Italiana 2019 all’Annual Berlin International Spirits Competition, poi la Distilleria Durbino-Friulia di Passons Pasian di Prato(Ud) e la Mangilli –  Cantine e Distillerie – Flumignano di Talmasson (Udine). La costruzione di un’intera filiera produttiva inizia dalla coltivazione delle erbe officinali, ingredienti base dei propri liquori. Vecchio Amaro del Capo fa parte di questa famiglia insieme a numerose ricette fra liquori, distillati, e infusi, come gli apprezzatissimi Liquorice, l’originale liquore di pura  liquirizia  calabrese DOP,  Limoncino  dell’Isola,  nato  come  tributo  a  Tropea  e  alla generosità dei frutti di Calabria, Elisir Borsci S. Marzano il più sensuale dei sapori – prodotto dal 1840 nello storico stabilimento Borsci S. Marzano di Taranto – e l’amaro di S. Maria al Monte la cui ricetta segreta è stata donata dai monaci di S. Maria al Monte al cuciniere del Re D’Italia prima del 1858, anno di inizio della sua commercializzazione. Tra le specialità del gruppo, Ferro China Bisleri, il primo liquore a base di ferro e di corteccia di china sul mercato dal 1881 e recentemente acquisita insieme all’amarissimo e notissimo Petrus Boonekamp. Lo storico marchio olandese, padre di tutti gli amari (dal 1777) per le sue caratteristiche organolettiche fa parte di una categoria di amari cosiddetti ‘amarissimi’ (Magenbitter), molto apprezzati in Germania e in generale in tutto il nord Europa. Con l’acquisizione di Petrus Boonekamp, Gruppo Caffo 1915 conferma la sua vocazione internazionale rafforzando la sua presenza all’estero che, ad oggi, conta già oltre 60 mercati. Il marchio Vecchio Amaro del Capo resta il più amato dagli italiani con oltre il 36% a volume nella Grande Distribuzione. Il rapido sviluppo nel canale Ho.Re.Ca (bar, ristoranti e locali di entertainment) dimostra come Vecchio Amaro del Capo sia un’eccellenza amata da tutti. La special edition Riserva del Centenario è stata  premiata  con  la  Grand  Gold  Medal  al  Concorso  Mondiale  Spirits Selection  di  Bruxelles, e con una menzione speciale, venendo  di  fatto  riconosciuta  come  il  miglior  liquore  d’erbe  al mondo. Il World Grappa Awards 2020 è il riconoscimento conferito alle grappe Mangilli che guadagnano i tre gradini più alti del podio come ‘Migliori grappe al mondo’ e con il ‘Miglior design’. Il 2020 in particolare, è stato un anno ricco di premi e riconoscimenti che rendono merito al lavoro e all’impegno dell’azienda in ogni aspetto, in special modo, dal punto di vista della produzione.  La tonica “Miracle 1638” del Gruppo Caffo 1915 ha ottenuto il Premio  di  ‘Miglior  Prodotto  al  Mondo  al  Bergamotto’ 2020, in occasione dell’ultima edizione del BergaFest  a  Reggio  Calabria.  Gruppo Caffo 1915 è stato riconosciuto azienda d’eccellenza del Made in Italy insieme alle più prestigiose società del panorama nazionale nell’edizione 2020 di ‘Save the Brand’ e premiato per aver riportato nel Paese storici brand nazionali e internazionali  contribuendo  alla  valorizzazione  del patrimonio liquoristico italiano. Altre medaglie arrivano dalla competizione internazionale ‘SIP Awards International Spirits Competition’ 2020, con un totale di cinque medaglie vinte tra Emporia Gin, Petrus Boonekamp e Vecchio Amaro del Capo versione Red Hot Edition con tre medaglie. Vecchio Amaro del Capo si aggiudica il podio al Brands Award 2020 in quattro categorie. Primo posto nella categoria ‘Alcolici e Birre’ per il quarto anno consecutivo e nel 2021 conferma il suo successo vincendo il prestigioso premio ‘Retailer’. Alla competizione ‘Spirit Selection’ by Concours Mondial de Bruxelles 2021 che premia i superalcolici provenienti da ogni parte del mondo, Blood Bitter Petrus BK e Sambuca S.Maria al Monte ottengono rispettivamente la medaglia d’oro e d’argento.


19/01/2022  20:48:21
Nota stampa

Natoconlavaligia

Natoconlavaligia - La Redazione

Il sito non commerciale, nato nel 2004 si propone al servizio dei lettori e lettrici dei nostri articoli inseriti nelle tante sezioni informative.