ATTIVITA’ SPERIMENTALE NOVAMONT E PARCO NAZIONALE DI PANTELLERIA

RICERCA E SPERIMENTAZIONE NEL PARCO NAZIONALE DI PANTELLERIA

UN PROTOCOLLO DI RICERCA E SPERIMENTAZIONE

Amministratore delegato Catia Bastioli

La rappresentanza del Parco Nazionale Isola di Pantelleria è stata in visita conoscitiva a Novara, nella sede di Novamont, azienda leader a livello internazionale nel settore delle bioplastiche e della biochimica, con la quale l’Ente ha stipulato un protocollo di ricerca e sperimentazione, in collaborazione con l’Università di Palermo, Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Forestali. L’incontro con l’amministratore delegato Catia Bastioli è valso a conoscere in modo approfondito il ciclo produttivo delle materie prime dei prodotti biodegradibili e compostabili.

Novamont, già da qualche anno, fa dell’isola un laboratorio di sperimentazione con azioni che interessano le attività agricole: in particolare, per la riduzione dell’uso dei diserbanti, come il glifosato, che viene sostituito dall’acido pelargonico, ottenuto da olio vegetale; e per l’eliminazione delle plastiche nelle strutture utilizzate all’appassimento dell’uva o alla produzione di ortaggi, scegliendo particolari schermi biodegradibili. Si tratta di attività sperimentali in linea con le finalità del Parco volte alla tutela della biodiversità, alla salvaguardia e alla valorizzazione del paesaggio rurale pantesco, anche attraverso l’applicazione di metodi di gestione e di restauro ad alta sostenibilità ambientale idonei a mantenere un’integrazione tra uomo e ambiente naturale.

Il risultato degli interventi di Novamont vuole essere il raggiungimento di alti standard produttivi con la garanzia di prodotti di qualità: elementi che diventano un valore aggiunto, anche, per la commercializzazione. Complementari sono, anche, le attività di ricerca e divulgazione, che focalizzando l’attenzione sulla specificità del suolo e sul mantenimento della biodiversità, per progettare sistemi a basso impatto ambientale; ridurre l’utilizzo della plastica tradizionale per evitarne la dispersione e l’accumulo nel suolo; sperimentare pratiche agronomiche innovative con l’obiettivo di ridurre il consumo di acqua, energia e produzione di rifiuti.

14/01/2022  13:51:33
Nota stampa

Natoconlavaligia

Natoconlavaligia - La Redazione

Il sito non commerciale, nato nel 2004 si propone al servizio dei lettori e lettrici dei nostri articoli inseriti nelle tante sezioni informative.