CHEF VINCENZO VOTTERO APRE “VIVO” A BOLOGNA

VIVO: IL NUOVO SPAZIO DOVE IL CIBO E’ ARTE DA GUSTARE E L’ARTE E’ NUTRIMENTO PER L’ANIMA

UN INNOVATIVO PROGETTO DI RISTORARTE IN CUI SI MESCOLANO SAPIENTEMENTE MAESTRIA, ACCOGLIENZA, INGREDIENTI DI ALTA QUALITA’, SERVIZIO ACCURATO, CREATIVITA ED EMOZIONI

Chef Vincenzo Vottero e PR & Event Manager Licia Mazzoni

Negli ultimi decenni sono nati tantissimi locali commerciali come bar, ristoranti, bistrot a tema letterario e artistico. Luoghi dove si legge o si è immersi fra le opere d’arte. Un modo per tenere lontano l’attenzione dai sempre più irrinunciabili telefonini e godersi un caffè, un tè, oppure, in caso del ristorante, gustare i piatti gourmet degli chef.
Lo chef Vincenzo Vottero ha aperto, a Bologna, il nuovo locale VIVO che unisce gastronomia e arte, e proprio oggi si è svolta una conferenza stampa di presentazione del progetto “Incontri tra Arte e Cucina” e l’incontro con l’artista delle opere in esposizioni, Simona Ragazzi. Per l’occasione lo chef Vottero ha presentato il menù autunnale.


Raffinato, accogliente e curato, con un giardino interno riscaldato e quasi “segreto”, dall’atmosfera ricercata in stile shabby chic. E’ questo e molto altro il nuovo locale di Vincenzo Vottero: un ristorante vivo e vibrante più che mai. Un luogo dove il Cibo è arte da gustare e l’Arte è nutrimento per l’anima.

Situato a Porta Lame a Bologna, a pochi passi dal centro della città, il nuovo VIVO non è un semplice ristorante, ma un RistorArte, fucina di ispirazioni e laboratorio di idee e di sogni, non solo in cucina. VIVO RistorArte realizza così un incontro inedito tra due passioni che si rafforzano a vicenda, tra due sensi che viaggiano in parallelo: il gusto e la vista. Il nutrimento non più solo pensato per il corpo, ma anche per l’anima e lo spirito, in un gioco di riflessi e rimandi che si rincorrono fino a realizzare il connubio perfetto.

“Premettendo che sposo in toto il pensiero di Anthelme Brillat Savarin, – spiega Vincenzo Vottero chef e patron di VIVO – secondo il quale cucinare per un ospite significa occuparsi della sua felicità durante tutto il tempo che passa sotto al nostro tetto, con questo nuovo progetto, io e il mio staff abbiamo scelto un nuovo modo di intendere l’accoglienza, che consiste in una nuova accezione del fare ristorazione, immaginando una creatività che parte dalla cucina e si riversa nell’ambiente, e viceversa, declinandosi in tante forme diverse”.

VIVO è uno spazio nel quale si può godere della cucina curata e pensata nei dettagli dallo Chef Vincenzo Vottero, ma anche un luogo che dà visibilità e voce agli artisti, quella voce che, ora più che mai, è necessario levare forte, per contrastare il cupo grigiore e l’appiattimento sensoriale di questi tempi d’ombra. Pittori e scultori trovano infatti nelle sale del locale alcune pareti ed angoli “sospesi” a loro riservati e dedicati; spazi che prendono vita grazie alla presenza di opere d’arte che si avvicendano nel corso delle stagioni.

Un progetto quello dedicato all’arte, che è curato con passione, dedizione e competenza da Licia Mazzoni, PR & Event Manager di VIVO, e che prevede l’allestimento e la promozione di tre esposizioni l’anno, una ogni quattro mesi, seguendo e assecondando la stagionalità delle materie prime, che si esprime anche nel menu dello chef, con proposte creative in continuo divenire.

All’incirca ad ogni passaggio di stagione, infatti, un nuovo artista avrà la possibilità di presentare da VIVO i propri lavori, affinché i clienti possano assaporare e vivere un’esperienza di “creatività e bellezza diffusa”: dal piatto all’ambiente circostante e ritorno. 

“L’idea di un ristorArte – sottolinea Licia Mazzoni, – nasce per stimolare e far volare i sensi. Perché noi, ora più che mai crediamo nelle emozioni, amiamo le sinergie, ci nutriamo di bellezza, valorizziamo l’arte in ogni sua forma…poichè, come ci ha insegnato Andy Wharol: qualsiasi spazio in cui non ci sia arte, è uno spazio sprecato”.

Al momento e fino al 3 gennaio, VIVO ospita alcune opere di Simona Ragazzi, con la mostra Incontri: scultura, pittura e fotografia a cura di Licia Mazzoni, la quale a riguardo commenta:Incontri sta per incontrare l’Altro, incontrare l’Arte e incontrare infine se stessi. L’incontro avviene e si realizza quando lo sguardo si posa sull’opera, per poi rivolgersi all’interno, ponendo l’essere umano in profonda connessione con stati d’animo ed emozioni che fluiscono a partire da intimi vissuti e percezioni individuali. Ed è proprio in questo delicato equilibrio tra dialogo esteriore e sguardo interiore che si incontra la raffinata magia dell’arte di Simona Ragazzi”.

LA CUCINA

Piatto dello chef Vottero
Piatto dello chef Vottero
Piatto dello chef Vottero

Da VIVO la cucina è sempre aperta alle sperimentazioni, conservando però i suoi punti di forza nella genuinità e nella ricerca accurata delle materie prime, tutte di prima qualità. La proposta culinaria infatti parte dalla tradizione classica e viene rielaborata con accenti creativi, fino a sfociare in esplosioni di gusto sorprendenti.

Assaggiando il menu autunnale, in cui ogni piatto ha un titolo poichè è una creazione unica, non si può non rimanerne stregati, a partire dal benvenuto dello chef: il FALSO FARRO, ovvero chicchi di sedano rapa, crema di zucchine, burro Occelli, parmigiano reggiano, estratto fresco di carota, limone e zenzero. Tra gli antipasti trionfano il BALTIMORA PIT TUNA, tonno scottato al BBQ con legno di ciliegio, panna acida, rafano, cime di rapa, nero di seppia, carota e lime; il RISOLUTO DI CIPOLLA, cipolle rosse caramellate, mezze maniche soffiate croccanti, spuma di cipolla bianca di Medicina, sfere di cipolla; TROPICAL, polpo mediterraneo ripassato in padella con farina di riso venere, salsa di cocco al lemongrass, guacamole, mango, melograno, finocchi; NEL BOSCO, battuta di capriolo a coltello, mandorle croccanti, gelato di senape all’antica; GALAN-CROCCANTINA, galantina di pollo, insalatina di spinaci novelli al balsamico, maionese fatta in casa. E poi ci sono i primi piatti, come il classico THE WINNER IS…, ossia il tortellino tradizionale con burro Occelli, parmigiano reggiano “Vacche Rosse” 26 mesi, tartufo nero, brodo ristretto di faraona e fieno, perle di lambrusco; il VEGETABILIS, riso carnaroli riserva San Massimo, succo di sedano verde, menta, crema di aglio nero e polvere di rose; TRINACRIA, spaghettone al torchio fatto in casa, calamaretti spillo, pomodorini pendolini gialli, rosmarino e fico d’india; il RAVIOLINO DI BALDO ripieno di formaggio di fossa, strigoli romagnoli, anacardi bruciati al limone, gel di Bitter Dibaldo; e infine RICORDO DI PROVENZA, capelli d’angelo alla lavanda, burro d’Isigny, parmigiano di capra e caviale nero siberiano.

Ma Vottero è insuperabile anche nei secondi, che prepara scegliendo accuratamente tutte le materie prime, che sono sempre di altissima qualità e che, valorizzate dalla sua magistrale professionalità, regalano un’esperienza culinaria davvero indimenticabile. Prelibata selvaggina, carni provenienti esclusivamente dai migliori allevamenti estensivi; pesce selvaggio pescato in mare, formaggi e mostarde artigianali, sono solo alcune delle chicche che permettono allo chef di non sbagliare un colpo: dal cervo BBQ, alla ricciola croccante, dalla faraona ruspante del Vecchio Pollaio di Montalto di Montese alle mazzancolle mediterranee con lardo di Arnad affumicato; dalla pluma di suino nero al BBQ, fino al pesce selvaggio cotto al forno e servito intero, accompagnato da verdure di stagione.

Emozionanti i dessert come la GHIACCIATA DI ZENZERO FRESCO con salsa calda al cioccolato fondente 85% Ecuador, la CREME BRULE’ AL MARACUJA, il CLINTO (mousse di uva fragola, crumble e mandorle pralinate, polvere di rosmarino), il CREMOSO DI OREO con salsa al cioccolato bianco e crumble di mandorla; il SEMIFREDDO DI COCCO con salsa di liquirizia salata.

Cura dei dettagli, piatti ricavati da vetri antichi e arredi di classe completano l’atmosfera. Notevole la carta dei vini che comprende anche curiosità di nicchia, volutamente ricercate.
Info: www.vivoristorantebologna.it

Chef Vincenzo Bottero
LO CHEF VINCENZO VOTTERO

Dopo 36 anni di esperienze culinarie nazionali ed internazionali, Vottero dal 2013 ha trovato casa nella sua città natale con l’Antica Trattoria del Reno e nel 2017 con VIVO Vincenzo Vottero Taste Lab in Piazza di Porta Saragozza a Bologna, divenuto in tre anni uno degli indirizzi più interessanti e glamour in città per la cucina creativa e di ricerca.

ALTA MAREA [1024x768]
BALTIMORA PIT TUNA [1024x768]
HALLOWPIG [1024x768]
IZUMO 1916 [1024x768]
IMG-4317 [1024x768]
NEL BOSCO [1024x768]
NICOLA [1024x768]
OREO [1024x768]
RAVIOLINO DI BALDO [1024x768]
IMG-4318 [1024x768]
risoluto di cipolla [1024x768]
the winner is [1024x768]
IMG-1322 [1024x768]
TRINACRIA [1024x768]
TROPICAL [1024x768]
VEGETABILIS [1024x768]
dd145b9d-e647-4034-a9f0-ae884069aba0 [1024x768]
IMG-7205 [1024x768]
previous arrow
next arrow
 
ALTA MAREA [1024x768]
BALTIMORA PIT TUNA [1024x768]
HALLOWPIG [1024x768]
IZUMO 1916 [1024x768]
IMG-4317 [1024x768]
NEL BOSCO [1024x768]
NICOLA [1024x768]
OREO [1024x768]
RAVIOLINO DI BALDO [1024x768]
IMG-4318 [1024x768]
risoluto di cipolla [1024x768]
the winner is [1024x768]
IMG-1322 [1024x768]
TRINACRIA [1024x768]
TROPICAL [1024x768]
VEGETABILIS [1024x768]
dd145b9d-e647-4034-a9f0-ae884069aba0 [1024x768]
IMG-7205 [1024x768]
previous arrow
next arrow
Shadow

Oggi, al nuovo ristorArte VIVO propone la sua cucina d’autore, dal segno vigoroso e creativo, a tratti ironico, che rivela in ogni piatto uno stile preciso e deciso, unito all’amore per la materia prima di eccezione e alla passione vera, vibrante, che sono da sempre alla base della sua ricerca ed evoluzione tra i fornelli. 

Chef Vincenzo Vottero e Licia Mazzoni

SIMONA RAGAZZI

Simona nasce a Bologna, città nella quale si forma artisticamente, vive e lavora. Consegue il diploma in pittura presso l’Istituto statale d’arte e successivamente il diploma con lode in scultura all’Accademia di Belle Arti di Bologna. Ha esposto in numerose mostre in sedi pubbliche e private, ha partecipato a Biennali, concorsi e fiere d’arte nazionali ed internazionali. Le sue opere sono presenti in collezioni pubbliche e private in tutto il mondo; e collabora in permanenza con gallerie d’arte in Italia.

RID Crisalide
Simona Ragazzi – ORIZZONTI COMUNI – 56×38 – dipinto su carta cotone in tecnica mista
Simona Ragazzi – Respiro (acqua) 2021

Per riprendere le parole del critico d’arte Simone di Franceschi relative alle opere Crisalidi:

Per parlare di Simona Ragazzi bisogna innanzi tutto parlare della sua poliedria, dove nulla è secondario o al servizio di, ma tutto fa parte di un percorso che sceglie sempre la strada meno facile, o almeno, come Robert Frost, quella meno ovvia. E la fotografia di Simona Ragazzi spiazza, non è nulla di quello che ti aspetteresti, il suo modo di trasmutare la concretezza immediata di un’opera solida nella soavità leggera di una immagine permette passi di suprema forza e profondità. Sono passi assoluti… E apprestandosi a leggere i suoi temi fotografici si percepisce che “Crisalidi” sono tra le opere più interessanti. Ogni riferimento alla crisalide non può prescindere, nel sapere diffuso, dal concetto intrinseco di trasformazione. In qualche modo questo viene associato alla massima alchemica che conferirebbe, sulla base del principio che” ciò che continuamente si trasforma non può deperire”, un’aura di immortalità. Nella immortalità non è il bruco, ne la crisalide a morire, e forse nemmeno la farfalla, se tutto è visto in una più ampia prospettiva di mutamento, allora ogni cosa rimane trasformandosi in continuazione finchè forse, un domani lontano, non può che ritornare ciò che era.

Come la stessa Ragazzi afferma, queste fotografie “…simboleggiano l’opera trasmutativa dei miei lavori ceramico-scultorei. Immortalo uno stadio della creazione come canto effimero, transitorio e circoscritto nel tempo.. come poesie silenziose, meravigliose farfalle, reticoli della memoria…”.

Un lavoro sul lavoro che vive di natura propria traendo forza e proposizione concettuale da questo. Cristallizzare l’istante della poesia nel continuo mutamento di realtà…in questo caso, prima della trasformazione del fuoco. Il tutto a rappresentare come le opere di Simona siano una continua ricerca senza sosta, passi, passi lunghi, passi più o meno meditati, passi dell’anima e del cuore, ed è un piacere vivere con lei questi passi.

Versione pdf

Giovanni Tavassi

Sono nato nel 1957 - Diplomato al Liceo Artistico di Napoli - Vivo a Portomaggiore (FE) - Ho lavorato in RFI come Professional dell'Alta Velocità. Dal 2004 sono operatore per quanto riguarda la realizzazione, il montaggio e la messa in rete delle videointerviste e scrivo nelle varie sezioni del sito www.natoconlavaligia.info, in special modo Arte & Cultura - Viaggi & Stili - Assaggi & Gusti e Wellness & Lifestyle.