Sono 120 anni dalla morte di Giuseppe Verdi - Natoconlavaligia

Ultimo aggiornamento 05/03/2021
loghino
scritta natoconlavaligia
scritta on-line dal 2004
2021
Vai ai contenuti

Sono 120 anni dalla morte del Maestro Giuseppe Verdi.

Il 27 gennaio 2021, la sua città natale Busseto (PR), dove ripercorrere i luoghi e le opere verdiane, gli rende omaggio con una cerimonia e un concerto.

 


Monumento in Granito e Bronzo - Piazza della Pace a Parma

A Busseto (PR), luogo di nascita di Giuseppe Verdi, risuonano le atmosfere musicali verdiane per celebrare il 120° anniversario della morte del Maestro, che ricorre il 27 gennaio 2021. La città dell’Emilia – www.visitemilia.com - in cui tutto narra della storia, della vita e della musica del compositore di opere liriche più rappresentate al mondo, gli renderà omaggio con un concerto nel Salone di Casa Barezzi, la splendida dimora in cui il giovane Giuseppe Verdi diede inizio alla sua formazione musicale, sede dell’Orchestra Filarmonica, che accolse le sue prime esibizioni. Il concerto sarà trasmesso in differita sul canale YouTube del Comune di Busseto alle 21.00 (http://bit.ly/ComuneBussetoYT) e seguirà alla deposizione di una corona celebrativa davanti al monumento dedicato al Maestro, che sarà benedetta nella chiesa Collegiata di San Bartolomeo Apostolo durante la messa di suffragio dedicata all’artista di Busseto. Al mattino, l’associazione degli Appassionati Verdiani Club dei 27 (composta solo da 27 persone) deporrà una corona davanti alla Casa natale di Giuseppe Verdi, a Roncole, frazione di Busseto. «Busseto è la terra di Verdi – commenta Marzia Marchesi, Assessore al Turismo del Comune di Busseto – e il 27 gennaio è per noi un’occasione speciale per ricordare il Maestro, la sua arte, che dalla nostra città è divenuta patrimonio del mondo. Giuseppe Verdi e la sua musica sono e saranno sempre al centro della storia e degli eventi che a Busseto si svolgono tutto l’anno».
Una città ricca di luoghi e di vicende verdiane, da vivere passo dopo passo, o meglio nota dopo nota. A partire proprio da Roncole e dalla Casa natale dove Giuseppe Verdi nacque il 10 ottobre 1813 da un padre oste e una madre filatrice. Un’abitazione semplice, ma ricca di aneddoti e di interessanti curiosità sull’infanzia del Maestro. Oggi, la Casa Natale è un bellissimo museo multimediale in cui rivivere le vicende di un bambino dall’incredibile talento musicale. Fu a Roncole che Giuseppe Verdi compose, a soli 15 anni, la sua prima sinfonia.  Gli studi del giovane musicista si consolidarono a Casa Barezzi, dove poter ammirare cimeli, lettere, ritratti e documenti appartenuti al Maestro. Si tratta della dimora di Antonio Barezzi, colui che scoprì il talento di Giuseppe, divenendone prima mecenate e poi suocero quando Verdi sposò sua figlia Margherita.
Seguendo le emozioni della musica, imperdibile una visita al Teatro Giuseppe Verdi, definito il “più bel salotto cittadino”, inaugurato il 15 agosto 1868 con la rappresentazione del Rigoletto. Occasione prestigiosa, alla quale però il Maestro non si presentò. Il Teatro è divenuto comunque il luogo simbolo delle opere verdiane: qui Arturo Toscanini diresse La Traviata e il Falstaff, Franco Zeffirelli fu regista dell’Aida e Riccardo Muti diresse il Falstaff. Opere celebri che Giuseppe Verdi compose nella sua grande casa immersa nella campagna bagnata dal Po di Sant’Agata di Villanova sull’Arda, in provincia di Piacenza, dove oggi Villa Verdi mostra le bellissime stanze arredate in cui il Maestro visse con Giuseppina Strepponi, soprano e sua seconda moglie, la cappella privata, la camera con il letto di morte, la rimessa delle carrozze, il grande giardino. Da qui il musicista amava dedicarsi al lavoro nei campi. L’agricoltura è sempre stata una delle sue passioni.
Per immergersi ancora di più nella vita del Maestro bisogna tornare a Busseto, al Museo Nazionale G. Verdi, che si trova nella cinquecentesca Villa Pallavicino, dove la voce di Philippe Daverio racconta, stanza per stanza, l’uomo, le opere e il mito del grande compositore italiano, tra preziosi affreschi e stucchi. Nelle sue antiche scuderie c’è invece il Museo Renata Tebaldi intitolato alla soprano che è stata una delle più famose interpreti delle opere di Verdi. Memorabilia musicali, testimonianze inedite, cimeli rendono questo luogo un vero polo di attrazione musicale.
 
Per avere informazioni e per organizzare la visita nei luoghi verdiani: www.bussetolive.com  
 
Busseto Terra di Verdi
P.zza Verdi, 10 – Busseto (PR)
Tel. 0524 92487

31/01/2021
Sito realizzato da Giovanni Tavassi
natoconlavaligia
www.natoconlavaligia.info
Il sito utilizza musica gratuita d jamendo.com e Youtube
I video youtube nel sito sono inseriti nel formato embed
Il sito è stato realizzato da: Giovanni Tavassi
sito realizzato da Giovanni Tavassi
Importante: Molte delle immagini pubblicate sono tratte da internet ed in ragione del fatto che non compare a corredo delle stesse nessuna indicazione circa il copyright sono valutate di pubblico dominio.
Qualora il loro utilizzo violi i diritti d'autore, si provvederà immediatamente a rimuoverle previa segnalazione al seguente indirizzo: g.tavassi@natoconlavaligia.info
Natoconlavaligia
Torna ai contenuti