L'essenza Maori, i riti, le leggende e i miti - Natoconlavaligia

Ultimo aggiornamento 05/03/2021
loghino
scritta natoconlavaligia
scritta on-line dal 2004
2021
Vai ai contenuti

L'essenza Maori - I riti, le leggende, i miti, la tutela di un patrimonio storico-culturale antico.

Seguiteci in questo viaggio. Vi porteremo lontano.
Nelle isole di una Polinesia vergine, a tratti selvaggia. Drammaticamente bella.

Poste metà strada tra la Nuova Zelanda e le Hawaii, le Isole Cook sono rimaste tra le poche mete long-haul internazionali Covid-19 Free.  Il distaccamento forzato dal resto del mondo è stato necessario per  tutelarsi ma si è rivelato anche utile per velocizzare un processo di  riscoperta dei valori e delle tradizioni di questo piccolo paradiso.
Già 15 anni fa si era dato il via ad un’analisi introspettiva riportando nelle scuole l’insegnamento della lingua Maori,  oltre all’inglese, allo scopo di valorizzare l’aspetto culturale e  storico non disdegnando, però, il supporto della tecnologia.  Si dice,  infatti, che per conoscere bene un luogo ed il suo popolo, sia  importante anche avvicinarsi alla lingua locale… Per questo, nel 2017, è  nata Hika Kia Orana, applicazione  che permette ai visitatori (e non solo) di tradurre istantaneamente  dall’italiano al Maori non solo frasi pratiche di viaggio, ma anche  canzoni e preghiere locali.
La volontà di conservazione insita in ogni Cookiano è strettamente legata ai Kia Orana Values e, in particolare, allo spirito del Mana Tiaki,  la responsabilità che ogni abitante sente nel cuore di tutelare e  preservare per le generazioni future la cultura ed il patrimonio  ambientale del piccolo paradiso.
Ecco allora qualcuno di quei tratti culturali che questo popolo straordinario tramanda con successo da secoli.
     
LEGGENDE MODERNE
The Mystery Hotel
A Vaimaanga, sul lato sud di Rarotonga, ci sono i resti di un hotel conosciuto come “The Mystery Hotel”, che oggi rappresenta un’attrazione turistica insolita.  Fin dal 1987, la struttura è stata oggetto d’interesse di investitori  stranieri, tra cui anche degli italiani, che speravano di dar vita ad un  albergo di lusso con campo da golf, ma i diversi tentativi sono sempre  miseramente falliti. La gente del posto racconta che tutti gli affari  collegati all’hotel falliscono a causa di una maledizione  lanciata nel 1911: nessuna azienda avrà successo finché la terra non  tornerà nelle mani dei legittimi proprietari! Oggi l’edificio in rovina è  diventato parte della storia dell’isola, animato da animali selvatici  che la scelgono come casa e da giocatori di paintball e laser tag, che usano gli spazi abbandonati come scenario per le loro sfide.

                     
Body Art Polinesiana
Una  delle tradizioni più caratteristiche del popolo Maori è quella dei  tatuaggi, testimonianza di una civiltà millenaria e simbolo dai profondi  significati, a volte reconditi.
La  tradizione del tatuaggio polinesiano ha origine più di 2000 anni fa.  Storicamente non vi era scrittura nella cultura polinesiana, quindi  l'arte del tatuaggio dei polinesiani era piena di segni distintivi per  esprimere le proprie identità e personalità. Così i tatuaggi indicavano  la genealogia così come la maturità sessuale ed il rango all'interno  della società. Quasi tutti nell'antica società polinesiana erano  tatuati. Con l’arrivo dei missionari cristiani nell’800 la pratica del  tatuaggio fu messa fuorilegge, ma a partire dagli anni '90 questa sta  vivendo una vera e propria rinascita. Molte famiglie polinesiane sono  rappresentate da disegni specifici che tramandano ai giovani durante un  vero e proprio “rito di passaggio” all’età adulta. Ma oggi sono  tantissimi anche i visitatori da tutto il mondo che scelgono di tornare a  casa con un souvenir tatuato sulla pelle. Gli artisti di quest’arte  millenaria amano, infatti, affermare: “finché le persone continueranno a venire qui sugli aerei, non rimarremo mai senza tela”.
La  vera particolarità di questi tatuaggi è che siano “senza fine”. Non si  tratta, infatti, di tanti piccoli decori sconnessi tra loro, ma  piuttosto di un’unica scena che si evolve, si distende e si prolunga con  l’allungarsi della vita delle persone, che cresce con loro, come a  raccontare una storia ricca di emozioni. Ma quali sono i soggetti più  tatuati dai Maori? Sicuramente la lancia, anche utilizzata per  rappresentare simbolicamente il pungiglione di alcuni animali. Un altro  simbolo classico utilizzato per rappresentare la natura guerriera è lo squalo, simbolo di protezione, guida e forza, così come di adattabilità. L'oceano  è una seconda casa per i polinesiani, principale fonte di cibo e il  luogo di riposo quando partono per il loro ultimo viaggio. Per questo  sono diversi gli animali ad esso legato spesso scelti per i tatoo. Come  la tartaruga, che si dice guidi i defunti verso le loro  destinazioni, ma che rappresenta anche salute, fertilità, longevità,  pace e riposo. Poi c’è la razza che vista la capacità di  nascondersi nelle sabbie sottomarine, è classificata come simbolo di  protezione, oltre che di adattamento, grazia, tranquillità, agilità e  velocità. Preferite la terra ferma? Potreste optare, allora, per lucertole e gechi,  anche loro dal ruolo importante nel mito polinesiano. Gli dei e gli  spiriti minori apparivano spesso agli uomini sotto forma di lucertole e  questo potrebbe spiegare perché l'elemento stilizzato usato per  rappresentare la lucertola sia molto simile al simbolo stilizzato usato  per rappresentare l'uomo. Le lucertole sono creature molto potenti che  portano fortuna, permettono la comunicazione tra umani e dei e che  possono accedere al mondo invisibile. Ma state attenti: possono anche  portare cattivi presagi a chi manchi loro di rispetto!
UN MITO VIVENTE
La vera storia di Pa, eroe di Rarotonga, e i delfini
Uno dei "tesori viventi" delle Isole Cook, Pa è un uomo spirituale e dignitoso, circondato da un'aura serena che calma immediatamente coloro che sono alla sua presenza.
È  noto per i suoi tanti anni di trekking eco-turistici nelle foreste di  Rarotonga e i tour nella natura, ma da giovane era un nuotatore oceanico  che una volta nuotò da Moorea a Tahiti, nella Polinesia francese, per  connettersi ai suoi antenati. Aveva 39 anni quando ha compiuto questa  straordinaria imprese nel 1985, coprendo a nuoto una distanza di 22 km.  Questa storia è stata raccontata in Pa and the Dolphins  , un libro illustrato per bambini che racconta la sua grande avventura  personale e la spiritualità polinesiana con le magnifiche illustrazioni  di sua moglie, Jillian Sobieska. Pa Teuruaa è uno dei più celebrati  tesori nazionali delle Isole Cook, ha completato 5.000° trekking tour  accompagnando gli escursionisti attraverso gli altipiani di Rarotonga  spiegando loro le proprietà delle erbe officinali autoctone  dell’isola. Oggi la guida esperta più famosa del Pacifico meridionale si  occupa di tour alla scoperta del patrimonio naturale e cultura  tramandato dai suoi antenati.
     
     
            
Air  New Zealand è la principale compagnia aerea e vola verso le Isole Cook  da Los Angeles, Sydney e Auckland. Per maggiori informazioni  www.airnewzealand.eu
Air Tahiti ed Air Raotonga collegano Tahiti con le Isole Cook (Papeete/Rarotonga)
                                                                                                                                                  
22/12/2020
Sito realizzato da Giovanni Tavassi
natoconlavaligia
www.natoconlavaligia.info
Il sito utilizza musica gratuita d jamendo.com e Youtube
I video youtube nel sito sono inseriti nel formato embed
Il sito è stato realizzato da: Giovanni Tavassi
sito realizzato da Giovanni Tavassi
Importante: Molte delle immagini pubblicate sono tratte da internet ed in ragione del fatto che non compare a corredo delle stesse nessuna indicazione circa il copyright sono valutate di pubblico dominio.
Qualora il loro utilizzo violi i diritti d'autore, si provvederà immediatamente a rimuoverle previa segnalazione al seguente indirizzo: g.tavassi@natoconlavaligia.info
Natoconlavaligia
Torna ai contenuti