Arte e cultura in Turchia - Natoconlavaligia

Ultimo aggiornamento 31/10/2020
loghino
scritta natoconlavaligia
scritta on-line dal 2004
Vai ai contenuti

Turchia - Arte e cultura al tempo della pandemia.

Nuove proposte dell'ufficio culturale dell' Ambasciata di Turchia in Italia.



Sala del Castello di Bodrum

Le nuove sale del Castello di Bodrum ospitano una principessa e i suoi gioielli.
La tomba e i gioielli d'oro della Principessa di Caria,  risalenti all'età ellenistica e scoperti durante i lavori di scavo sul  sito di un'antica necropoli nel distretto di Bodrum di Muğla, stanno  destando tanta curiosità tra coloro che visitano le nuove sale del castello di Bodrum dopo che la seconda fase dei lavori di ristrutturazione si è conclusa.
Il  ritrovamento avvenne nel 1989. Dopo aver rimosso il coperchio del  sarcofago al centro della camera funeraria, gli archeologi trovarono uno  scheletro di una donna con le braccia incrociate e adornato con  gioielli d’oro. Secondo i risultati di un'analisi scheletrica  antropologica, si è scoperto che la donna era morta all'età di 40 anni,  mentre l'osso iliaco rivelava di aver dato alla luce più di un figlio.  Dalla qualità dei suoi denti si capiva anche che aveva uno standard di  vita elevato.
I ricchi ritrovamenti presso la tomba - non ultima la  corona - mostrano che la tomba apparteneva a una persona di alto status  sociale.
Il lavoro di ricostruzione facciale forense sul cranio hanno  rivelato che l'antica nobildonna è molto simile a due busti di marmo  femminili esposti al British Museum di Londra associati alla regina Ada  di Caria. Da allora la teoria più probabile è che si possa trattare  proprio di lei.
Tuttavia, poiché non ci sono ancora dati scientifici  sufficienti per un'identificazione esatta, lo scheletro della tomba è  stato da allora chiamato della Principessa di Caria.


Antalya Patara
 
  
 
A Patara ecco i lavori per riportare il sito al suo splendore
Sono  in pieno svolgimento gli sforzi per riportare l'antica città di Patara,  situata nella provincia di Antalya, al suo antico splendore.
Un luogo di grandissimo valore storico e archeologico che nel solo mese di agosto è stato visitato da 100.000 persone  nonostante le preoccupazioni per il virus. Il capo del team di scavo,  il professore Havva Işkan Işık, ha detto che Patara, la capitale  dell'antica Unione Licia, rappresentava una delle città portuali più importanti della storia tanto che anche Erdoğan ha definito il 2020 l'anno di Patara.
Il lavoro degli archeologi è così raddoppiato  anche con importanti progetti di restauro in collaborazione con il  Ministero della Cultura e del Turismo e il Governatorato di Antalya.
"La  porta della città, larga 19 metri, alta 10 metri e vecchia di 2.000  anni, è un artefatto unico grazie alla sua capacità di trasferire  l'acqua e, grazie ai nostri sforzi, ha riacquistato il suo antico  splendore" ha dichiarato Işık. Abbiamo completato i lavori di  restauro e manutenzione sulle colonne che fiancheggiano le strade della  città e abbiamo eseguito lavori di scavo e rinforzo sul teatro". Işık ha aggiunto che l'antico teatro ora è aperto ed è pronto a ospitare vari eventi, artistici e sportivi.
Ora  si sta cercando di convertire la prima stazione telegrafica senza fili  istituita dall'Impero Ottomano nel 1906 - al fine di comunicare con i  suoi territori africani da Patara - in un museo. Si spera che questo  progetto possa concludersi entro l’anno. Mentre molti manufatti sono  stati distrutti in vari incendi appiccati nelle rovine di Patara, altri  reperti sono stati portati al riparo, per essere restaurati e  ricollocati utilizzando un approccio museologico. L’intenzione di tutti  come dichiarato anche dallo stesso Ministro del Turismo è quello di  farsi che Patara possano raggiungere 1 milione di visitatori  entro  l’anno.


Biennale ad Istanbul

 
  
 
5a Biennale di Design a Istanbul
Organizzata dalla Istanbul Foundation for Culture and Arts (İKSV)  con il patrocinio di VitrA e con il sostegno del Ministero della  Cultura e del Turismo della Repubblica di Turchia, la 5a Biennale di  Design a Istanbul verrà inaugurata il 15 ottobre.
Intitolata “Empathy Revisited: Designs for more than one” e curata da Mariana Pestana  la manifestazione si avvale di tanti progetti prodotti in città da  diversi artisti provenienti da vari paesi andando a coinvolgere diverse  discipline. Saranno coinvolti spazi all'aperto della città ma anche  piattaforme digitali.
I progetti esposti nelle sedi espositive saranno visitabili fino al 15 novembre mentre gli interventi in città, i progetti di ricerca e le serie video continueranno ad evolversi fino al 30 aprile 2021.
La Biennale riunisce idee e progetti che cercano di definire un nuovo ruolo per il design basato sull'empatia.  In qualità di mediatore di emozioni e sentimenti, il design è qui  presentato come una pratica che ha come scopo principale la cura. I  designer adottano funzioni sensibili, diplomatiche, a volte  terapeutiche, con l'obiettivo di metterci in contatto tra noi ma anche  con il mondo che ci circonda, con altre specie, con i microrganismi, il  suolo, l'acqua e persino l'universo.
La manifestazione presenta un programma generativo che comprende tre assi principali:  l'online con "Critical Cooking Show", i progetti di ricerca sul bacino  del Mediterraneo alla Library of Land and Sea e gli interventi in città  chiamati "New Civic Rituals".
Ambasciata di Turchia - Ufficio Cultura e Informazioni
Piazza della Repubblica, 55/56 - 00185 ROMA
Tel. 06 4871190 - 06 4871393 - Fax 06 4882425

01/10/2020
Sito realizzato da Giovanni Tavassi
natoconlavaligia
www.natoconlavaligia.info
Il sito utilizza musica gratuita d jamendo.com e Youtube
I video youtube nel sito sono inseriti nel formato embed
Il sito è stato realizzato da: Giovanni Tavassi
natoconlavaligia
sito realizzato da Giovanni Tavassi
Scritta natoiconlavaligia
Importante: Molte delle immagini pubblicate sono tratte da internet ed in ragione del fatto che non compare a corredo delle stesse nessuna indicazione circa il copyright sono valutate di pubblico dominio.
Qualora il loro utilizzo violi i diritti d'autore, si provvederà immediatamente a rimuoverle previa segnalazione al seguente indirizzo: g.tavassi@natoconlavaligia.info
Torna ai contenuti