ESTATE A TUTTO DIVERTIMENTO A OBEREGGEN

MONTAGNE SPETTACOLARI, PASSEGGIATE ALL’INFINITO TRA I SENTIERI CHE ATTRAVERSANO BOSCHI E PRATI VERDISSIMI, ESCURSIONI PER TUTTI, UN’AMPIA SCELTA DI MANIFESTAZIONI NEL SEGNO DELLE TRADIZIONI ALTOATESINE

QUESTO E MOLTO ALTRO OFFRE IL  COMPRENSORIO DI OBEREGGEN, A 1.600 METRI DI ALTEZZA AD UNA VENTINA DI CHILOMETRI DA BOLZANO, FACILMENTE RAGGIUNGIBILE IN AUTO, TRENO E CON I BUS LOCALI

Obereggen_Ph.GPichler

Se si ha qualche giorno in più da passare in questo paradisiaco angolo di Alto Adige, c’è una vasta scelta di alloggi. Nella gamma dei super confortevoli, per una vacanza nel Paradiso del Latemar, si può provare l’esperienza di ospitalità dell’hotel Cristal, a Obereggen, categoria quattro stelle, con piscina esterna ed interna, area spa, grandi stanze arredate in stile alpino con tocchi di modernità e un’eccellente cucina, oltre ad un’ottima selezione di vini, tra cui molti della vicine zone di Caldaro, Aldeno, Termeno e Cortaccia dove si possono visitare interessanti cantine che propongono anche degustazioni.

Berghuette_Oberholz_01_Ph.Guenther.Pichler

Tra i luoghi imperdibili della zona, punto di partenza di suggestive escursioni alpine, è il rifugio Oberholz, Con la sua apertura, lo Ski Center Latemar nel 2016 raggiunge un importante traguardo a livello architettonico (e culinario!). Il rifugio è stato costruito a 2.096 metri di quota con materiali di origine locale e viene riscaldato con energia geotermica. Un connubio esemplare di architettura innovativa ed edilizia sostenibile.

ASC-Eggen-Schupfenfest-Folder-2022

E vale anche la gita di un giorno l’appuntamento goloso di domenica 7 agosto, quando ritorna una delle iniziative della buona tavola più attese ad Obereggen, giustamente definito Paradiso delle Dolomiti. All’ombra del massiccio dolomitico del Latemar, che ha dato il nome al magico mondo naturalistico Latemarium, è in programma la tradizionale Festa delle Baite. Per raggiungere le malghe i partecipanti potranno usufruire della cabinovia Ochsenweide alla stazione a valle di Obereggen, aperta gratuitamente per l’occasione dalle 9 alle 19.

L’Ochsenweide condurrà in quota da dove inizieranno le escursioni a piedi od in bicicletta o e-bike. La festa inizierà alle 10. L’evento si svolgerà tra le idilliache malghe della Val d’Ega, percorrendo il sentiero Latemar.Alp lungo la strada delle malghe chiusa al traffico. La festa farà rivivere l’antica tradizione delle baite dolomitiche. I visitatori saranno accolti nei fienili e rifugi Gerber, Tholer, Ortner, Hofer, Epircher Laner, Weigler, Mayrl, Ganischger e al Mountain Lounge Platzl alla stazione a valle della seggiovia Oberholz e nell’omonimo rifugio Oberholz, perla architettonica conosciuta in tutto il mondo a 2096 metri, a monte della seggiovia. Lungo l’escursione, da malga a malga, specialità della Val d’Ega solleticheranno il palato dei visitatori. In apposite aree si potranno gustare piatti tipici della cucina altoatesina, preparate al momento, da parte delle locali associazioni del Sport Club di Ega, dei Vigili del Fuoco volontari di Ega, dell’associazione giovani contadini, del gruppo dei chierichetti e chierichette della parrocchia di Ega e del gruppo „B-Team“ e „Ondern” che solleticano il palato con deliziosi manicaretti preparati sul momento. Festa imperdibile per degustare gli Strauben con marmellata di mirtilli rossi, burrosi canederli all’albicocca e succulenti canederli allo speck con gulasch, costine di maiale, galletti allo spiedo, selvaggina, cotolette, würstel bianchi e molto altro ancora. Il tutto allietato da musiche dal vivo in sottofondo mentre i bambini potranno scatenare tutto il proprio entusiasmo sui circostanti prati ed attrazioni. Altro elemento che, da sempre, caratterizza la Festa delle Baite sotto il maestoso massiccio del Latemar saranno i Schuhplattler, vestiti con i Lederhosen (pantaloni in pelle corti), danzeranno sulle note delle musiche della tradizione, cimentandosi in posizioni audaci e divertenti. Sul prato del fienile Tholer-Schupf alle ore 11 sarà celebrata all’aperto la messa.

Zischg_Alm_02_Ph.Guenther.Pichler

Zischg_Alm_01_Ph.Guenther.Pichler

Weigler_Schupf_01_Ph.Guenther.Pichler

Platzl_01_Ph.Guenther.Pichler

Mayrl_Alm_02_Ph.Guenther.Pichler

Ganischger_Alm_01_Ph.Guenther.Pichler

22/07/2022 13:55:21 Elena Cardinali

 

Elena Cardinali

Sono nata a Verona nel 1958 ed ho lavorato come giornalista professionista nel giornale "L'Arena" di Verona dal 1982 al 2019. Nell’ultimo decennio della mia carriera professionale mi sono in particolare occupata del patrimonio storico e artistico di Verona. Al di fuori dell’impegno professionale, nonostante i tempi molto ridotti, ho portato avanti l’impegno di console a Verona del Touring Club Italiano, organizzando visite in luoghi storici della città, sempre con l’idea di allargare ad una più vasta platea la conoscenza del capoluogo scaligero. Sono stata insignita del Premio Giulietta 2020 alla donna e alla carriera, organizzato da Luce Arts Workshop con il patrocinio del Comune di Verona.