Guagnano Terra di Negroamaro - Natoconlavaligia

Ultimo aggiornamento 27/06/2017
Vai ai contenuti

Menu principale:

I Nostri Viaggi articoli

Guagnano, Terra d'Arneo, fra i vitigni del Negroamaro per conoscere e capire le peculiarità e le prospettive delle aziende agricole che lo producono – 30 maggio/2 giugno 2017  il 45° educational giornalisti, organizzato dal Comune di Guagnano e la Rivista Spiagge, grazie al programma operativo regionale FESR-FSE 2014/2020 “Attrattori culturali, naturali e turismo”. di Giovanni Tavassi

Appena all’interno del territorio di Guagnano, uno dei nove comuni in Terra d'Arneo vocato alla produzione di uve Negroamaro, appare davanti ai nostri occhi un paesaggio rurale con viti che da poco hanno ripreso vegetazione e fioritura, il nostro sguardo corre lungo i filari ed è interrotto  solamente dalle bellissime masserie e aziende vitivinicole che affiorano da esse.
Giunti in centro, decidiamo di fare un giro nella parte storica e arriviamo in Piazza Maria Assunta SS del Rosario nome dell'omonima chiesa presente, tre navate in stile barocco fu costruita nella metà del XVIII secolo, ai suoi lati da una parte: la torre campanara, incompiuta, più bassa della chiesa perché in fase di costruzione si accorsero che non poteva subire altri carichi; dall'altra a fare angolo, la Residenza Municipale e per finire, al centro della piazza, un bel palco per le prossime elezioni; ci è parso subito di essere nell'ambientazione del film “Peppone” 1955 del regista Carmine Garrone e tratto dal 3° episodio della saga di Giovannino Guareschi e interpretato magistralmente da Gino Cervi e Fernandel.
Di fronte alla chiesa “Antico Castello”, edificio del XIII secolo, pare fosse una struttura difensiva di epoca bizantina e, a pochi passi, via Castello era sede di deposito derrate feudatarie. C'incamminiamo su via Roma per arrivare al Museo Centro Studi del Negroamaro e vedere le antiche attrezzature, botti, fermentatori, torchi usati per la lavorazione delle uve e alcune opere di artisti pugliesi fra cui il pittore naif, Vincent Brunetti e la pittrice Arianna Greco che si esprime con l’arte enoica ottenendo le varie sfumature di colore dall’ebollizione del Negroamaro.

Un po’ di storia legata al Negroamaro
Poco più di un secolo fa, a seguito della filossera della vite che fece morire la maggior parte dei vitigni francesi e del Nord Italia, le produzioni di uva salentina diventarono fonte di vita per la continuazione della produzione di vino in quei territori martoriati dalla malattia; vent'anni durò questa esportazione e s'interruppe quando i vigneti ripiantati incominciarono a produrre uve a sufficienza per la produzione del vino in autonomia, piccole quantità, continuarono ad essere esportate per il taglio delle nuove uve ma gli agricoltori salentini si trovarono in estrema difficoltà a causa delle sovrapproduzioni che rimanevano invendute, studiarono diverse azioni da mettere in campo e così nacquero le prime cooperative per intraprendere il percorso della vinificazione e la nascita dei vini destinati al commercio.

Alcune curiosità sul Negroamaro
Negroamaro, ancora oggi molti pensano che il nome sia legato ad una correlazione fra uva scura e gusto amaro, niente di tutto ciò; deriva da un’associazione di due parole (Nero) Niger in latino e (nero) mavros in greco antico (sostituito in seguito dalla parola dialettale maru) che hanno dato vita alla parola Negroamaro, una ripetizione della parola nero in due lingue (due volte nero).
Molti pensano che il rosato Negroamaro venga fatto mischiando le uve bianche a quelle nere, invece il colore Rosso o Rosato dipende dalla premitura, se fatta lasciando le bucce si ottengono i rossi, se fatta senza bucce o parte di bucce si ottengono i rosati.

Premio Giornalistico Terre del Negroamaro
Ogni anno, a Guagnano, il primo venerdì dopo ferragosto, si svolge il, organizzato dal Comune, Comitato Tecnico Operativo e promosso dal Gruppo Azione Locale Terra d'Arneo e Pro Loco, per la conoscenza del territorio e le sue eccellenze. Nel 2016 si è svolta l'ottava edizione

Carmen Mancarella della Rivista Spiagge e gli Amministratori di Guagnano: Sindaco, Leone Fernando - Vice Sindaco, Danilo Verdoscia e assessore Alfredo Monte ci hanno accompagnati nel Tour di alcune realtà vitivinicole del territorio salentino.

Azienda Candido -   Immagini
Realtà  vitivinicola con 140 ettari di vigneto di uve bianche e nere fra i territori di San Donaci (Br) e Guagnano (Le), nata nei primi anni del '900 attualmente produce 1 milione e 300mila bottiglie per 16 Referenze fra rosso, rosato e bianco. La location all’interno è molto accogliente, una grande scala in marmo porta al piano superiore dove si trovano la sala convention e quella dedicata alle degustazioni e showcooking.
Nei sotterranei, una grande bottaia con botti in rovere francese per l’affinamento del vino e sistema di autocontrollo della temperatura e umidità che permette un ottimo affinamento del vino.

I vini
Rossi: Cabernet Sauvignon - Devinis (Primitivo) - La Carta (Negroamaro 95% Malvasia Nera 5%) - Cappello di prete (Negroamaro 100%) - Immensum (Negroamaro 100%)
Rosati: Negroamaro Salento (100%) - Piccoli Passi (Negroamaro 95% Cabernet Sauvignon 5%) - Le Pozzelle (Negroamaro 95% Malvasia Nera 5%) - Duca d'Aragona (Negroamaro 80% Montepulciano 20 %) - Cassio Dione (Primitivo di Manduria) - Aleatico
Bianchi: Chardonnay Salento - Pinot Grigio -Tenuta Marini (Fiano) - Luminosìa (Chardonnay) -Paule Calle (Chardonnay 50% Malvasia bianca 50%)


Azienda Vitivinicola Francesco Candido Spa
Sede di Sandonaci
Via A. Diaz, 46
72025 Brindisi
Tel. 0831 635674 - fax. 0831 634695

Sede di Guagnano
Via Villa Baldassare
73010 Lecce
Tel. 0832 704088


Cantina Sociale Enotria - Immagini
Principalmente nata per la vendita e rifornimento di vini salentini sfusi, da qualche anno ha avviato la fase per l'imbottigliamento di diversi IGP, ad oggi sono 8 fra rossi, rosati e bianchi.
Fanno parte di Enotria circa 300 soci con 1000 ettari di vigneto fra Guagnano e Salice Salentino (Le) e San Pancrazio Salentino e San Donaci (Br) per una produzione di 20.000 ettolitri.
Intenzione, dice l'enologo Francesco Conte, è quella di creare nuove etichette da poter immettere sul mercato.

I vini
Rossi: DOC Salice - Malvasia Nera -  Rosso Negroamaro – Re Ferrante IGT
Rosati: Rosato Negroamaro – Rosato Frizzante
Bianchi: Fiano - Bianco Frizzante


Cantina Sociale Enotria
Via Kennedy, 64
73010 Guagnano (Le)
Tel. +39 0832 706077
Tel. +39 0832 709238

Azienda Feudi di Guagnano - Immagini
Gianvito Rizzo, amministratore delegato dell'azienda (delle famiglie Rizzo, Maci e Maldarelli), ci accoglie all'interno della bellissima location, arredata con gusto, per parlarci della produzione  e le iniziative di Feudi di Guagnano.
La produzione  attuale è di 250mila bottiglie per 16 referenze che sono esportate in tutto il Mondo. L’affinamento viene fatto sia in silos di acciaio sia in botti di legno rovere francese da 225 o 500 litri.
Siamo molto legati ad una nostra etichetta IGT “Nero di Velluto” Negroamaro 100% che è nata a seguito di un’ispirazione dataci dal noto fotografo/giornalista salentino Giuseppe Palumbo  chenel 1918 scrisse: “Ed a piè di ogni vite tutto è diventato nero di velluto, tutto è maturo, deliziosamente profumato”.
Nel 2015, fra le nostre produzioni, si è aggiunto il Vegamaro (Negroamaro vegano) per soddisfare il palato dei vegani e vegetariani; ottenuto da uve Negroamaro non presenta differenze gusto-olfattive rispetto al vino tradizionale, ma cambia il modo di come si ottiene, infatti, dalla vinificazione al finissaggio, all'affinamento in bottiglia è assolutamente vietato utilizzare sostanze di origine animale come l'albumina d'uovo e la caseina.
Altra attività importante in campo sociale, che era in serbo da anni, il primo corso per sommelier rivolto ai detenuti (una trentina) uomini e donne del penitenziario di Lecce. Abbiamo voluto dare corso a questa nostra idea, presentando il progetto che ha trovato subito il riscontro della direttrice del penitenziario Dott. Rita Russo. Il corso dal titolo “Il vino oltre ogni barriera” si è svolto, all'interno del penitenziario, nel mese ottobre 2016 con la collaborazione dell'AIS; fra i docenti anche alcuni poliziotti della questura salentina esperti sommelier che hanno collaborato con la cantina Feudi di Guagnano. Il progetto e la realizzazione del corso ha fatto tanta eco da essere pubblicato anche su The New York Times il 3 gennaio 2017 con un articolo dal titolo “Italian Inmates Sip, Smell and Taste Their Way to Rehabilitation.

I vini
Rossi: Nero di Velluto IGT (Negroamaro 100%) –Primitivo Salento IGT (100%) – Cupone (Negroamaro 90%Malvasia Nera 10%) – Le Camarde (Negroamaro 80% - Primitivo 20%) – Diecianni Negaroamaro (100%) – Diecianni Primitivo (100%)- Diecianni Salice Salentino DOC (Negroamaro con piccole percentuali di Malvasia Nera) – Vegamaro (Negroamaro 100%) – Terramare (Primitivo 100%) – Terramare Negroamaro IGT (100%)
Rosati: Rosarò (Negroamaro 100%) – Terramare Negroamaro Rosè IGT Salento (Negroamaro 100%)
Bianchi: Diecianni Verdeca (100%) - Diecianni Chardonnay (100%) – Animè frizzante (Verdeca – Fiano) – Terramare Verdeca IGT Salento (Verdeca 100%)


Cantina Feudi di Guagnano s.r.l.
Via Cellino, 3
73010 Guagnano (Le)
Tel. +39 0832 705422 – Fax +39 0832 395742

Tenuta Marano Società Agricola s.r.l. - Immagini
Marco Ricciato ci parla della giovane azienda che si trova in contrada Scalera del Comune di Guagnano e fondata da Salvatore Marano. Attualmente facciamo alcuni spumanti che non vengono lavorati in Salento per mancanza di uno spumantificio, è nostra intenzione in futuro crearne uno sulla nostra terra.
L’interno della Tenuta è arredato completamente con materiale e legni riciclati derivanti da vecchie botti, doghe, porte.
Di fianco alla bottaia, abbiamo realizzato una zona fumatori per gli appassionati del sigaro toscano, i sigari saranno sistemati in una apposita vetrina e il fumatore potrà scegliere quello di suo gusto da accompagnare a un buon calice di bollicine.
L’enologo Giacomo Palmisano controlla minuziosamente tutti i processi produttivi dei vini di qualità per 13 referenze fra rosso, rosato e bianco.

I vini
Rossi: Ameno (Primitivo 100%) – Patricius (Negroamaro 100%) – Raritas (Negroamaro 100%) Tama (Negroamaro 100%)
Rosati: Carlo V Extra Brut, Dry e Dolce (Spumanti rosè Negroamaro 100%) – None (Negroamaro 100%) –
Bianchi: Baldassarri Brut (Spumante Negroamaro 100%) – Baldassarri Dry (Spumante Negroamaro 100%) – Sine (Chardonnay 100%) – Puro (Verdega 100%)


Tenuta Marano Società Agricola s.r.l.
Via provinciale, 158
73010 Guagnano (Le)
Tel. +39 0832 1771988

Azienda Vitivinicola Cantele - Immagini
Gianni Cantele uno dei componenti proprietari ed enologo dell’azienda ci racconta, brevemente,  di come nasce
l’ Azienda: “Il nostro cognome è di origine veneta e ci troviamo ad essere imprenditori qui perché mio nonno era un venditore di vini sfusi e siccome la puglia in quegli anni era il maggior esportatore di uve, nel 1950 decise insieme a mia nonna di trasferirsi dall’ Emilia Romagna, dove viveva e lavorava, per acquistare terreni in questa zona salentina e nel 1980 il sogno si realizzò con la nascita dell’Azienda Cantele”.
L’Azienda oggi gestisce circa 50 ettari di Vigneti, fra quelli di proprietà e quelli in affitto, e produce dei vini rossi, rosati e bianchi di ottima qualità.
Dal 2004 collaboriamo con ISPA-CNR e Università di Agraria di Bari per la ricerca sulla riduzione del rischio da micotossine, sull’isolamento e riproduzione di ceppi di lievito autoctono da uve Negroamaro. Investiamo molto in ricerca, formazione e informazione per ottenere sempre il meglio da dare ai nostri consumatori in tutto il mondo.
Gianni ci accompagna per la visita in azienda, prima la parte esterna poi interna passando per grandi silos arriviamo alla barricaia, botti di rovere francese per l’affinamento dei vini; proseguiamo per la zona imbottigliamento e confezionamento ed infine saliamo al piano superiore per ammirare una bellissima sala degustazioni con annessa cucina showcooking, con un arredamento moderno e di gran stile.
Giunto anche il momento della degustazione, Gianni stappa il rosato Rohesia IGT (Negroamaro 100%)  colore cerasulo, gusto intenso e persistente con sentori fruttati, un vino potente ma di estrema freschezza, un esplosione di bollicine.

I vini
Rossi: Negroamaro IGT (100%) – Primitivo IGT (100%) –Salice Salentino DOC (Negroamaro 100%) – Teresa Manara IGT (Negroamaro 100%) – Amativo (Negroamaro 40% - Primitivo 60%) – Fanòi  IGT (Primitivo 100%) – Rohesia IGT (Negroamaro 100%)
Rosati: Negroamaro IGT (100%) – Rohesia IGT (Negroamaro 100%)
Bianchi: Chardonnay IGT  (100%) – Verdeca IGT (100%) – Alticelli IGT (Fiano 100%) – TeresaManara IGT (Chardonnay 100% vendemmia agosto) - TeresaManara IGT (Chardonnay 100% vendemmia settembre) – Le Passanti (Fiano 100%)


Azienda Vitivinicola Cantele
S.P. 365 km. 1
73010 Guiagnano (Le)
GPS: N40.40865 E17.96285
Tel. +39 0832 705010 – Fax +39 0832 705003

Azienda Claudio Quarta, Vignaiolo - Immagini
Alessandra Quarta, figlia di Claudio, ci spiega con passione come suo papà ricercatore e biologo, ad un certo punto della sua vita ha deciso che era il momento di dedicarsi all’imprenditoria attraverso la sua passione per il vino. Dal 2005 ad oggi sono nate le aziende: Tenuta Emèra a Lizzano (Ta) per la produzione dei grandi rossi salentini autoctoni, la cantina Sanpaolo nome della frazione in Irpinia dove produce i rinomati bianchi: Falanghina, Greco di Tufo e Fiano di Avellino; e per finire un fiore all’occhiello, dove ci troviamo adesso, la Cantina Moros dedicata unicamente alla produzione del Salice Salentino (Moros), descritto dalla mappa catastale sull’etichetta (1 ettaroper soli 80 quintali di uve).
Mio papà, appassionato di arte ha voluto realizzare anche un altro sogno e con caparbietà ci è riuscito, così è nata la location in cui ci troviamo “Cantina Moros” dove si fondono vino e arte, all'interno troviamo diverse opere del Maestro Ercole Pignatelli fra cui la più preziosa e senz’altro quella murale dal titolo “Germinazione3.
Iniziamo il nostro percorso salendo una scala che dà accesso alle vecchie cisterne in cemento, le quali conservano, sulle pareti, ancora i colori naturali lasciati dal vino; si arriva alla barricaia e da un’altra scala si accede al percorso sotterraneo, un dedalo di corridoi per ammirare il piccolo Museo del Simposio dove vi sono pezzi unici acquistati da mio padre e provenienti da collezioni private.
Nel percorso troviamo anche una bellissima sala degustazioni che si inserisce direttamente nel contesto della mostra.

I vini
Rossi: Irpinia Aglianico DOP (100%) –Taurasi Riserva DOCG (Aglianico 100%) – QU.ALE IGP (Negroamaro 30% -Primitivo 30% Syrah 20% - Merlot 20%) – Anima di Negroamaro DOP 100%) – Anima di Primitivo DOP (100%) – Salice Salentino DOP (Negroamaro 85% - Malvasia Nera 15%) – Rosso Salento IGP (Primitivo 35% - Negroamaro 35% - Cabernet Sauvignon 10% Petit Verdot 10% - Shiraz 10%) – Oro di Emera  DOP (Primitivo di Manduria 100%) – Moros DOP (Negroamaro 95% - Malvasia Nera 5%) - Sigillo Primo IGP (Negroamaro 100%) – Sigillo Regale IGP (Primitivo 100%) – Antico Sigillo DOP (Primitivo di Manduria 100%) – Sigillo Nero IGP (Uve di Trioa 100%) – Sigillo Secondo DOP ( Negroamaro 85% - Malvasia Nera 15%) – Sigillo Campano IGP (Aglianico 100%) – Sigillo Ellenico DOCG (Aglianico 100%) – A-Aglianico IGP (100%) – N-Negroamaro IGP (100%) – P-Primitivo IGP (100%) – P-Primitivo DOP (Primitivo di Manduria 100%) – T-Uve di Trioa IGP (100%) – S-Salice Salentino DOP (Negroamaro 80% - Malvasia Nera 20%)
Rosati: Jancarando Rosè spumante Brut (Aglianico 100%) - Rose IGP (Negroamaro 100%) – R-Rosato IGP (Negroamaro 100%)
Bianchi: Jancarando Blanc de Blancs spumante Brut (Falanghina 100%) – Benevantano Falanghina IGP (100%) – Greco di Tufo DOCG (100%) – Fiano di Avellino DOCG (100%) – Suavemente IGP (Falanghina 60/70% - Greco di Tufo 15/20% - Fiano 15/20%) – Anima di Chardonnay IGP (100%) – Amure IGP (Fiano 75% - Manzoni Bianco 25%) – Il Sigillo IGP (Chardonnay 100%) – Sigillo Apio IGP (Fiano 100%) – F-Falanghina IGP ( 100%) – F-Fiano IGP (100%) – G-Greco IGP (100%) C-Chardonnay IGP (100%)


Azienda Claudio Quarta - Vignaiolo
Via Provinciale,222
73010 Guuagnano (Le)
Tel. +39 0832 704398 – Fax +39 0832 709022

Azienda Vitivinicola Lucio Leuci – Vino Kosher una innovazione sui mercati - Immagini
L’Azienda prende il nome dal nonno, possiede attualmente 30 ettari di cui 22 coltivati a Negroamaro, 3 a Montepulciano e 5 a Chardonnay. Francesco Leuci insieme al fratello Lucio portano avanti l'azienda.
Francesco ci illustra le varie referenze dei vini di produzione e dal 2013 hanno dedicato una piccola ma accurata selezioni di uve per la produzione di vini Kosher for Passover, tenendo presente i protocolli, rispettando i precetti indicati dalla Torah e l'attento controllo della OU (Ortodox Union), fatto dal Rabbino Hochman, così sono nati i primi due vini kosher: il “Terra Guaniani” rosso Dop Salice Salentino ottenuto dalle migliori uve di Negroamaro, e il “Montele” rosso Igp Salento ottenuto da uve Montepulciano della nostra azienda.
Non ci siamo fermati ed abbiamo portato avanti con tutto il nostro impegno questa strada, arrivando a produrre altre due referenze Kosher “Vine Electa” fatto con uve Chardonnay Igp Salento, e il “Primile” Primitivo Igp Salento; tutte le lavorazioni ed i processi dal momento che l'uva arriva in cantina devono essere fatti da persone di religione ebraica osservante e i silos di acciaio che devono contenere il vino hanno il sigillo su ogni ingresso che viene rimosso quando si deve fare la lavorazione, inoltre, prima di contenere il vino devono essere riempiti e svuotati, di acqua, per tre volte.
La pulizia delle uve, per vino Kosher, deve essere fatta  con un apposito macchinario che porta la temperatura attorno agli 85/86° per alcuni secondi.

I vini
Rossi: Vinea Electa Kosher fo Passover IGP (Negroamaro 100%) – Primile Kosher for Passover IGP (Primitivo 100%) – Terra Guaniani DOP (Negroamaro 100%) – Terra Guaniani Kosher for Passover DOP (Negroamaro 100%) – Montele Kosher for Passover IGP (Montepulciano 100%) – Varale IGP (Negroamaro 90% - Montepulciano 10%)
Rosati: Altura IGT (Negroamaro 100%)
Bianchi: Marina IGP (Chardonnay 100%) – Vinea Electa IGP (Chardonnay 10%)


Azienda Vitivinicola Lucio Leuci
Via Villa Baldassarri Km. 1
73010 Guagnano (Le)
Tel. +39 0832 706500

Azienda Agricola Conti Zecca - Immagini
I Conti Zecca presenti da cinque secoli sul territorio di Leverano, nei primi anni del ‘900 hanno messo a frutto le esperienze dei secoli passati e tutto il loro sapere per iniziare il ciclo produttivo dalla coltivazione alla vinificazione delle uve dei propri possedimenti, senza mai alterare i sottili equilibri del luogo e nel rispetto dell’ambiente.
Una bellissima struttura, con una grandissima bottaia, forse la più grande del Salento. Una zona dedicata ai vini storici dell’azienda, infatti, sugli scaffalisi si trovano bottiglie di tantissimi anni fa e per finire una meravigliosa enoteca con tutte le produzioni in vendita e per fare degustazioni in azienda.

I vini
Rossi: Liranu DOP (Negroamaro 100%) – Rifugio IGP (Primitivo 100%) – Rodinò IGP (Primitivo 100%) – Nero (IGP (Negroamaro 70% e  Cabernet Sauvignon 30%) – Terra IGP (Aglianico 85% - Negroamaro 15%)
Rosati: Sud Est Rosato IGP (Negroamaro e altri vitigni raccomandati) – Venus IGP (Negroamaro 70% - Altri vitigni raccomandati 30%)
Bianchi: Sud Est Bianco IGP(Chardonnay e altri vitigni raccomandati) – Calavento IGP (Malvasia 100%) – Mendola IGP (Fiano 100%) – Luna IGP (Malvasia 50% - Chardonnay 50%) – Sole IGP (Malvasia bianca di Lecce 85% - Moscato bianco 15%

Azienda Agricola Conti Zecca
Via Cesarea
73045 Leverano (Le)
Tel. +39 0832 925613
Fax +39 0832 922606

A Porto Cesareo per ammirare il tramonto magico, uno dei più belli d’Italia, e visitare la via delle pescherie.
Ogni sera Porto Cesareo diventa un luogo magico, tutti aspettano con trepidazione il tramonto, il sole crea man mano un’esplosione di colori fra cielo e mare e poi si va a nascondere all’orizzonte scomparendo sotto le chiglie delle barche, lasciando pian piano posto all’imbrunire che coprirà, in breve tempo, l’Isola dei Conigli e l’acqua subirà una trasformazione cromatica dal verde/azzurro al blu per imporre la notte ai fondali, un’atmosfera unica nel suo genere.
A due passi si potrà ammirare la via delle Pescherie dove  le specialità ittiche fanno da attrazione per tutti i turisti, ma principalmente per chi vuole mangiare pesce fresco di questi mari e di ottima qualità, il tutto in un ambiente familiare all’interno degli esercizi.

Pescheria Greco - Pescheria La Piovra - Pescheria La Medusa - Pescheria Falli


Mercato dei fiori di Leverano che si annovera fra quelli più importanti d’Italia – B&B Agricola dell’Arneo
A 9 Km. dal Porto Cesareo, in via Ancona nel Comune di Leverano (Le), poco meno di 15mila abitanti, esiste uno dei mercati floreali più importanti d’Italia.
Il mercato si svolge al Lunedi e al Giovedì, noi un poco prima dell’apertura pomeridiana del Giovedì siamo entrati nel capannone comunale per visitarlo e vedere l’inizio delle contrattazioni. Allo scattare dell’ora di apertura, all’interno, la concitazione prende il sopravvento, venditori che chiamano ed acquirenti che corrono per accaparrarsi i fiori più belli.
Un esplosione di colori e profumi che attrae tantissimi visitatori, specialmente nei periodi turistici in media e alta stagione.
Tra tutte le qualità floreali e piante di ogni genere, si possono acquistare anche le piantine di cappero, pianta molto ostica all’attecchimento in luoghi a lei non consoni.

Due battute al volo per due venditori di fiori a Leverano

A poco più di un chilometro dal mercato, in campagna fra piantagioni di frumento e viti Negroamaro, c’è il B&B Resort Masseria Signora Porzia per chi ama le vacanze rurali e in tranquillità.
Quattro camere di cui una per gli affetti da disabilità motorie, di recente ristrutturazione l’edificio rurale presenta camere molto accoglienti e fresche perché tutte in pietra leccese, hanno tutti i confort del caso, compreso il dehor.
La zona colazione è una cucina molto ampia e bella, piena di colori, che riporta a tutte le tradizioni salentine.

Azienda Agricola dell’Arneo
Via Vicinale Cerasa, 4
73045 Leverano (Le)
Tel/fax +39 0532 9110438 – Cell. 338 4919920

Villa Ghetta Country House – Leverano (Le)
Per coloro che amano l’ambiente, la natura e la tranquillità, Villa Ghetta Country House è la location giusta.
Interamente costruita con materiale bio-compatibile, con tecniche di bio-edilizia avanzata, antisismica e di massima categoria per risparmio energetico.
Belle camere con arredamenti in legno, piscina esterna, spazio giochi per bambini/e, orto e possibilità anche sosta camper.
Adiacente alla struttura c’è anche il Ristorante – Bar – Pizzeria Exedra di alta qualità e prezzi contenuti dove gli ospiti potranno gustare le specialità.



Villa Ghetta Country House
S.P. 21 Leverano a 3 Km. da Porto Cesareo
Tel. 33906150542 – 339 2267241

Puntata al mare e nel pomeriggio visita ad un’antica dimora “Villa Donna Adriana” per coniugare arte, storia e vacanza - Immagini
Dopo aver visto Torre Sant’Andrea, l’arco “Lu Pepe”, la Grotta della Poesia e le Marine di Melendugno e aver passato 3 ore al mare nelle bellissime acque di Torre dell’ Orso nel Lido Bar Ristorante "La Sorgente" partiamo per la visita alla dimora storica.
Passiamo da Cellino San Marco e a pochi chilometri siamo a San Pietro Vernotico (Br) dove ha sede Villa Adriana, antica dimora storica dei primi del ‘900.
Conosciamo Debora Rogges uno dei proprietari della Villa che ci ha illustrato un progetto molto ambizioso per la trasformazione della dimora in una galleria d’arte vivente.
Sapendo che venivamo dal mare, Debora ci ha subito accolto in modo veramente ineccepibile facendoci trovare anche un piccolo rinfresco che tutti hanno accettato gradevolmente; ci ha guidato nella visita alle sale, inoltre, e parlato del progetto “Open Call per Giovani Urban Artist in Residenza” lanciato dall’Istituto di Cultura Italo-Tedesco (ICIT) di Lecce per creare la residenza d’artista e favorire il dialogo interculturale tra Italia e Germania, come lei stessa ci spiega nel video:


La Dimora  rientra nel circuito delle dimore storiche italiane (ADSI) è stata restaurata negli ultimi anni e sono venuti alla luce mosaici, affreschi e rilievi d’epoca. Un area di circa 1000 mq.  
Villa Adriana ha un ampio parco all’interno e bellissime camere dove poter passare le vacanza in tutta tranquillità.
Prezzo soggiorno B&B per 2 persone 70 euro e 140 per 4.
La Dimora ospita già da tempo eventi culturali, musicali e spazi espositivi, riesce ad ospitare fino a 350 invitati negli spazi interni ed esterni.

Locali che offrono la cucina tradizionale della terra salentina

La Favorita – B&B, Ristorante  e Pizzeria a Guagnano - Immagini
La prima cosa che abbiamo trovato all’interno del locale è stata l’accoglienza e la disponibilità dei proprietari.
Prelibatezze della cucina tradizionale salentina con un tocco di innovazione nei piatti presentati.
Cosa abbiamo mangiato: antipasti salumi e formaggi – ricottine fritte – carpaccio di pesce spada – salmone con carciofi – polpo fritto su letto di crema di patata rossa – ceci, calamari e cozze – dolci della casa. Vino Negroamaro rosato

Via Gianni Rodari, 1 e B&B in via Provinciale, 165
73010 Guagnano (Le)
Tel. +39 0832 705500
Cell. 33904224428

2^ location La Favorita a Porto Cesareo - Immagini
La seconda struttura, sempre degli stessi proprietari, si trova a Porto Cesareo e propone maggiormente piatti legati alle specialità ittiche.
Cosa abbiamo mangiato: alici marinate – carpaccio con cipolle di Tropea – insalatina di polpo con verdure – fritturina mista dell’orto – cozze in umido con pane fritto – frittura di pesce e dolci fatti in casa. Vino Negroamaro rosato.

L’Aja Noa – Ristorante Pizzeria a Guagnano - Immagini
Si trova a Guagnano sulla via principale e in questo periodo apre solo per i fine settimana, sale interne e dehor.
Menù con tanti piatti, i prezzi sono contenuti e il servizio è ottimo.
Cosa abbiamo mangiato: Antipasti con rucola, pomodorini e gamberi – Formaggi misti –– Polpettine in umido – Serviti in terracotta: Scialatielli ai frutti di mare e copertura con crosta di pane – Rana pescatrice in umido con le olive nere – Purè di fave nette e cicoria selvatica – Fritturina (panzerotti, pittule e arancini di riso) e per finire un ottimo pasticciotto leccese fatto in casa e ben presentato, il tutto accompagnato da un ottimo rosato di uve Negroamaro di queste terre.
Sopra il locale è anche possibile soggiornare nel B&B  Sogno Salento.

Via Provinciale, 219
73010 Guagnano (Le)
Tel. +39 0832 706739

Ristorante/Agriturismo Pepe Rosa a Guagnano - Sala
Una location con un interno molto curato nei dettagli, la cucina propone i piatti tradizionali salentini e buoni salumi e formaggi.

Srt. Vic. Scalera snc
73010 Guagnano (Le)
Cell. 392 5915223

Il Salento è una terra che lascia sempre il segno con i suoi paesaggi naturali, la gastronomia, il mare e la grande accoglienza di un popolo che ha saputo sfruttare, con forza, il proprio territorio per farlo arrivare ai primi posti in europa per quanto riguarda il turismo.
09/06/2017 Lascia commento
1 commento
Voto medio: 110.0/5


Diana
2017-06-10 23:29:44
Complimenti! Tantissime informazioni utili..n
Sito realizzato da Giovanni Tavassi
www.natoconlavaligia.info
Il sito utilizza musica gratuita: jamendo.com
I video nel sito sono inseriti nel formato embed
Il sito è stato realizzato da: Giovanni Tavassi
Torna ai contenuti | Torna al menu