Torino, da città industriale a città moderna in continuo movimento - Natoconlavaligia

Ultimo aggiornamento 24/05/2018
Vai ai contenuti

Menu principale:

I Nostri Viaggi articoli


Torino, da città industriale a città moderna in continuo movimento. Di Lucio Colantuoni


Torino è una città ricca di fascino, con oltre duemila anni di storia. Per secoli è rimasta una città marginale, fino alla sua proclamazione a capitale del ducato di Savoia, diventando per la prima volta un centro di grande importanza e una delle maggiori capitali del Barocco. Inoltre, quando nel 1713, i duchi di Savoia ottennero il titolo di re, prima di Sicilia e poi di Sardegna, il capoluogo piemontese divenne de facto la capitale del regno, con poco più di sedicimila abitanti. Dal 1861 al 1865 fu la prima capitale d’Italia. Dopo il secondo dopoguerra Torino fu il simbolo della crescita economica dell’Italia, tanto che riuscì ad attirare migliaia di emigranti dal Sud Italia per via delle richieste di manodopera negli stabilimenti automobilistici.

Da non dimenticare anche l’importanza della città dal punto di vista religioso da quando il duca Emanuele Filiberto trasferì definitivamente da Chambéry la Sindone: il lenzuolo che secondo la tradizione avvolse il corpo di Gesù Cristo.

Città industriale, centro di produzione e di scambi, terzo polo economico del paese, Torino sta assumendo un’immagine nuova, innovativa, grazie al ruolo di capitale dell’arte contemporanea. Ne sono alcuni esempi il recupero dell’area industriale del Lingotto, principale stabilimento della Fiat, oggi riconvertito in polo fieristico dall’architetto Renzo Piano e dove ogni anno si tieni un evento internazionale quale è il Salone Internazionale del Libro.
Torino è una città moderna, in continuo movimento, che guarda avanti, verso un futuro già iniziato: la città è attrezzata per fiere, congressi, convegni, ed è in grado di garantire, oltre che infrastrutture e servizi per il business, anche un’offerta a 360 gradi, che le ha consentito di entrare nella classifica delle “città a 3 stelle” della prestigiosa Guida Michelin, insieme a Firenze, Venezia e Roma. La città offre, inoltre, una qualità della vita unica al mondo, fatta di arte, cultura, gastronomia e natura. La sua posizione ai piedi dell’arco alpino occidentale, i quattro fiumi, i parchi e i giardini, fanno di Torino una delle città europee più verdi.

Per quanto riguarda il tempo libero, la città è in grado di soddisfare tutti i gusti. Di giorno è possibile passeggiare nelle storiche vie o sotto i 18 chilometri di portici, ammirando le vetrine delle grandi firme della moda o visitando le botteghe degli artigiani e degli artisti locali. Senza dimenticare il piacere di girovagare per i tantissimi mercati: da Porta Palazzo, il più grande mercato europeo all’aperto, al Balon, famoso mercato delle pulci e dell’antiquariato, da quelli rionali a quelli dei prodotti tipici gastronomici. E anche quando arriva il momento di una pausa, la scelta è ampia. Torino è ricca di caffè storici, trattorie (in piemontese piole) e rinomati ristoranti, nei quali si possono assaggiare gli straordinari prodotti tipici: grissini, formaggi, tartufi, cioccolatini (il famoso gianduiotto, morbidissima pasta di cioccolato e nocciole del Piemonte) e vini prestigiosi. La movida torinese è all’insegna del divertimento e dello svago. Le zone maggiormente frequentate dai torinesi, ma anche dai turisti, sono il quadrilatero romano e i quartieri di Borgo Dora e San Salvario, ricchi di bar, discoteche e vinerie. Anche per gli amanti dello sport, Torino offre incredibili possibilità: impianti sportivi all’avanguardia in cui cimentarsi o assistere a gare che vanno dal calcio al nuoto, dal basket all’atletica senza dimenticare le specialità del ghiaccio.
Capitale italiana dell’industria dell’automobile, nonché importante centro dell’editoria, delle telecomunicazioni, del cinema, della pubblicità, dell’enogastronomia, del design e dello sport, Torino è una città tutta da scoprire.
Su tutti, il Palazzo Reale, La Mole ed il Museo Egizio, rappresentati i luoghi da non perdere assolutamente.

Muoversi a Torino

Metropolitana
La città di Torino è dotata di un’unica linea di metropolitana all’avanguardia (senza macchinista), M1 che collega Fermi(Collegno) con Lingotto. Biglietto ordinario urbano € 1,50, valido per 90 minuti dal momento della convalida anche sulle linee urbane e sulla tratta urbana delle linee suburbane GTT. Shopping € 3, valido per 4 ore dalla convalida, nella fascia oraria fra le 9.00 e le 20.00, sulle linee urbane e sulla tratta urbana delle linee suburbane GTT di superficie e in Metropolitana.
Ordinario urbano € 1,50, valido per 90 minuti.
Giornaliero € 5, valido per 24 ore.
giorni € 7,50, valido per 48 ore.
giorni € 10, valido per 72 ore.

Bus
La città di Torino è coperta da una fitta rete di Autobus. Grazie ai servizi pubblici è possibile raggiungere qualsiasi parte della città senza utilizzare l’auto.
Night Buster è un servizio sicuro ed ecologico per spostarsi di notte, con veicoli videosorvegliati a metano ed elettrici. Ogni venerdì, sabato e nei prefestivi i bus ti portano dai capilinea periferici al capolinea centrale in piazza Vittorio Veneto con fermate nelle vicinanze dei principali locali notturni.
Per tutte le linee, una comoda APP per cellulari e le paline intelligenti alle fermate, indicano il tempo di attesa del bus desiderato.

Dall'aeroporto
L’Aeroporto Internazionale torinese è facilmente raggiungibile dal centro di Torino. Una linea ferroviaria collega l’Aeroporto di Caselle con la stazione Dora GTT di Torino in 19 minuti. Da Dora GTT è possibile raggiungere la stazione o il centro con varie linee di bus, oppure con il con il servizio DoraFly. Il biglietto è acquistabile al prezzo di € 3,70 e comprende la tratta ferroviaria Torino - Aeroporto di Caselle (o viceversa) e l’utilizzo dei mezzi pubblici urbani GTT per 70 minuti.

Clima
A Torino il clima è moderatamente continentale, con inverni freddi e umidi, ed estati calde e afose. La città si trova a 250 metri di quota, ai piedi delle Alpi, lungo il corso del fiume Po, in una posizione che in estate la rende un po' meno calda del resto della pianura padana, e in inverno un po' meno nebbiosa.

Dove mangiare
La cucina torinese è una cucina ricca ed elaborata; ciononostante, è profondamente radicata nel territorio. Infatti essa nasce da un connubio fra la sua origine contadina e le esigenze raffinate della Corte sabauda, entrambe aperte, oltretutto, alle influenze della cucina francese. Inoltre, la grande ondata di immigrati degli anni sessanta e settanta, provenienti dalle regioni del Mezzogiorno, ha portato a Torino le tradizioni culinarie del Sud, così come il più recente fenomeno migratorio dai Paesi extracomunitari ha, invece, determinato l'apertura di numerosi ristoranti etnici. I più diffusi in città sono i ristoranti cinesi, indiani e mediorientali (soprattutto le gastronomie arabe e turche), ma vi sono locali che propongono la cucina spagnola, messicana, argentina, brasiliana, libanese, etiope e giapponese.
La zona più indicata per cercare un luogo dove mangiare è certamente il quartiere “Quadrilatero Romano”, zona tra via XX Settembre e Porta Palazzo. Si possono trovare al suo interno, locali esclusivi e di tendenza per tutte le tasche, che attraggono turisti e, soprattutto, torinesi.

Dove dormire
Dato il gran numero di luoghi di interesse da visitare, è molto importante decidere con attenzione dove alloggiare a Torino.
La zona migliore è ovviamente in Centro. Solitamente, le migliori zone Porta Susa, Porta Nuova, Piazza Castello, Piazza San Carlo e Piazza Solferino. Questo anche perché il modo migliore per raggiungere la capitale piemontese è in treno e il centro si trova vicino alle due stazioni principali, Porta Susa e Porta Nuova. Inoltre, se decidete di dormire in centro potrete girare la città comodamente a piedi.
Se l’idea di alloggiare a Torino in zona stazione vi lascia perplessi, visto che solitamente in altre città, come Roma e Milano, l’area intorno alla Stazione centrale non è propriamente tra le migliori, vi assicuro che a Torino la situazione è differente.
Infatti, un tempo, anche la zona di Porta Nuova e San Salvario non godevano di buona fama ma adesso sono diventati ottimi quartieri dove alloggiare a Torino perché sono state riqualificate.
In generale, consiglio in prima analisi di scegliere una sistemazione nei pressi delle stazioni di Porta Nuova o Porta Susa. Da qui, a piedi o con i mezzi (tram, bus metro) si può facilmente raggiungere qualsiasi punto della città. Per gli appassionati di calcio, linee di tram e bus nei giorni delle partite, sono disponibili per lo Juventus Stadium.
Il discorso cambia se andate a Torino per un evento in particolare, perché in caso di Fiere allora sarà bene prediligere la zona Lingotto.
Come nelle grandi città, in caso di eventi importanti e in concomitanza delle festività, i prezzi a notte tendono a salire, ma se ci si anticipa adeguatamente si riesce a trovare un hotel o un affittacamere tra i 35 ed i 40 euro/notte, inclusa la prima colazione.
09/12/2017
Sito realizzato da Giovanni Tavassi
www.natoconlavaligia.info
Il sito utilizza musica gratuita: jamendo.com
I video Youtube nel sito sono inseriti nel formato embed
Il sito è stato realizzato da: Giovanni Tavassi
sito realizzato da Giovanni Tavassi
Torna ai contenuti | Torna al menu